Quando nel Canale c’era la Flotta Gialla

Mentre si lavora per disincagliare la portacontainer Ever Given che blocca dal 23 marzo il traffico di Suez ricordiamo  cosa avvenne in quel braccio di mare negli anni Sessanta quando fu la guerra a fermare  un convoglio di cargo

Entra nella community

Mentre si lavora per disincagliare la portacontainer Ever Given, lunga 400 metri e larga 59, che blocca dal 23 marzo il traffico del Canale di Suez, il direttore dell’Atlante ricorda cosa avvenne in quel braccio di mare fondamentale negli anni Sessanta quando fu la guerra a bloccare un convoglio di cargo

di Raffaele Crocco

Non poteva che essere gialla, quella flotta strana, occasionale, messa insieme da una guerra, dal caso e da un canale che, per quanto grande, può sempre diventare troppo stretto. D’altro canto era il 1967. L’anno dopo, di giallo ci sarebbe stato il sommergibile dei Beatles. Gialle erano le 2 Cavalli alternative. Gialli erano i fiori messi nei cannoni. Gialli i grandi cappelli delle ragazze. Quindi gialla, anche quella flotta di 15 navi bloccate nel Canale di Suez nel giugno del 1967. Rimasero lì per la guerra che Egitto e Israele – ma anche Siria, Giordania e Iraq – si stavano facendo per controllare proprio quel canale. E’ diventata famosa come “Guerra dei sei giorni”. Per quella Flotta Gialla di 15 navi durò invece fino al 1974, un anno dopo la fine di un’altra guerra, quella dello Yom Kippur.

Cosa accadde? Semplicemente che rimasero intrappolate. L’Egitto aveva reagito chiudendo entrambe le estremità del canale. Voleva impedire a Israele, che la guerra la stava vincendo, di usarlo, visto che aveva occupato tutta la sponda orientale. Così, il colonnello Nasser, che guidava l’Egitto, diede un taglio netto e con detriti, navi affondate e mine bloccò il passaggio. E chi era dentro, era dentro. C’erano appunto quelle 15 navi, che navigavano non tanto tranquille verso nord. Impiegarono tre giorni – tre giorni mentre attorno c’era la guerra – per capire che da lì non sarebbero uscite. Una, l’SSOBserver, rimase isolata. Si ancorò, solitaria, nel lago Timash. Le altre 14 rimasero assieme e si fermarono nel Grande Lago Amaro.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Ora: non dovete pensare che siano veri laghi. Sono semplicemente, come dire, degli “slarghi” del canale, dei punti più larghi. Il Grande Lago Amaro è in assoluto il più grande. Le 14 navi si ancorarono e cominciarono ad aspettare. Erano le MS Djacarta e MS Baleslaw Bierut polacche, le britanniche MV Scottish Star, MS Port Invercargill, MS Melampus, MS Agapenor , la MS Vasil Levski bulgara, la MS Sindh francese, le svedesi MS Nippon e MS Killara, la MS Lednice cecoslovacca, le tedesche MS Munsterland e MS Nordwind e la Statunitense MS African Glen.

Divenne evidente che da lì era tutt’altro che semplice andarsene, la situazione politica non lo consentiva e il canale non veniva liberato. La Flotta era ferma. Ingialliva: la sabbia del deserto, portata dal vento, faceva diventare le navi sempre più gialle. Gli equipaggi dovevano rimanere a bordo, per assicurare che le navi non si deteriorassero e, soprattutto, che nessuno ne potesse prendere possesso. Per la legge del mare, una nave abbandonata diventa proprietà di chi ci sale a bordo. Così, gli armatori inviarono le scorte alimentari e i pezzi di ricambio. Gli equipaggi si attrezzarono per sopravvivere. Inventarono la vita di bordo, si tenevano in contatto con casa, cercavano di capire che fare: erano prigionieri senza sbarre.

Ad ottobre accadde qualcosa. Gli ufficiali e i rappresentati degli equipaggi di tutte le 14 navi si ritrovarono sul Melampus. Tutti d’accordo fondarono la “Great Bitter Lake Association”, libera associazione per darsi supporto, aiuto e fare incontrare gli equipaggi. La cosa suona bene, ma allora era tutt’altro che scontata. Erano gli anni della Guerra Fredda, della contrapposizione fra Stati Uniti e Unione Sovietica. Insomma, non era facile, perché le navi venivano da entrambi gli schieramenti. Invece, funzionò. Per mesi vennero organizzate partite di calcio sulla nave più grande, la MS Port Invercargill. I film erano a carico dei bulgari del mercantile Vasil Levsky. La svedese Killara aveva una piscina. Le funzioni religiose, invece, venivano celebrate su una nave della Germania dell’Ovest, la Nordwind. Vennero anche emessi francobolli, bellissimi, che nessun Paese a parte l’Egitto riconosceva, ma che circolavano con il consenso di tutti, per permettere ai marinai di scrivere alle famiglie. Oggi sono ricercatissimi dai collezionisti.
Arrivò il 1968 e la Flotta Gialla pensò bene di organizzare dei “Giochi Olimpici”, visto che quelli veri erano in programma a Città del Messico. Si svolsero regolarmente, con varie discipline, pesca compresa. Ci sono foto bellissime delle regate veliche: uomini in costume da bagno, sorridenti, su barchette a vela, che si sfidano fra i cargo ancorati. Il medagliere vide il trionfo della squadra polacca.

Come fini? Bene, per fortuna. Con il tempo – nel 1969 – le navi vennero raccolte in gruppi per volontà degli armatori: così servivano meno membri dell’equipaggio per mantenerle. Iniziò una rotazione degli uomini, ogni tre mesi tornavano a casa, fino al 1972, quando gli ultimi – quelli della motonave tedesca – furono rispediti in patria. La manutenzione delle navi venne affidata a una ditta norvegese e quando nel 1974 il canale venne riaperto erano pronte ed iniziarono a tornare a casa. Il 24 maggio 1975 le navi tedesche Münsterland e Nordwind raggiunsero il porto di Amburgo acclamate da oltre 30.000 persone. Della Flotta Gialla rimane il ricordo, come esempio di come gli esseri umani in difficoltà siano in grado di darsi aiuto, di fare squadra, di stare assieme. Mentre Suez torna a chiudersi, anche se solo per un incidente, questa resta una bella storia da raccontare.

In copertina: container in navigazione, foto di Rinson Chory

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Le mani del Che

A 50 anni dalla scomparsa di Ernesto Che Guevara l’Atlante delle Guerre e dei ...

La politica spagnola e il Sahara Occidentale

Pedro Sánchez potrebbe essere il primo Presidente democratico a muoversi per riconoscere la sovranità saharawi ma ancora siamo ad un nulla di fatto

Dietro l’attacco di Nairobi

Il gruppo al-Shabab ha ucciso almeno 300 persone in Kenya negli ultimi cinque anni. Le rivendicazioni e i motivi degli assalti e dell'ultima strage

Aria tesa a Nairobi. Dopo l’attacco bomba all’hotel di lusso Dusit D2 di mercoledì ...