Rifugiati: nel mondo oltre 50 milioni di persone in fuga

                                                                                                 

                                                                                                                            A. Hallman/ Unhcr

 

Nell’ultimo anno, il numero di sfollati e richiedenti asilo nel mondo ha superato, per la prima volta dopo La Seconda Guerra Mondiale, i 50 milioni di persone. E’ il dato che emerge dal Rapporto dell’Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i rifugiati, diffuso oggi in occasione della Giornata Mondiale del Rifugiato.

Sono, per la precisione, 51,2 milioni le persone in fuga da guerre, violenze e disastri ambientali. Rispetto al 2012 (quando i dati dell’Unhcr parlavano di 45,2 milioni di rifugiati e sfollati) ci sono nel mondo 6 milioni di profughi in più. Un aumento così massiccio è dovuto, spiega l’Alto Commissariato, al perpetrarsi delle violenze in Siria, ma anche alle crisi ben più dimenticate in corso ormai da anni nella Repubblica Centraficana e nel Sud Sudan.

“Quello a cui assistiamo è il costo immenso di guerre senza fine, e del fallimento nel risolvere i conflitti – spiega l’Alto Commissario per i Rifugiati Antonio Guterres -. Gli operatori umanitari possono aiutare ma sono un palliativo, mentre ciò che è ormai vitale e necessario sono le soluzioni politiche ai conflitti. Senza di esse questa sofferenza di massa, che si riflette in questi milioni di persone, continuerà”.

 

Leggi il Report completo dell’Alto Commissariato per i Rifugiati:

http://www.unhcr.org/5399a14f9.html

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Il sultano alla conquista dell’Africa (1)

Come la strategia di Erdogan si muove dietro il nuovo conflitto che sta interessando la Libia. Con ambizioni più vaste e con l’ennesimo Paese dell’area trasformato in campo di battaglia dalle potenze regionali e non riunite in due coalizioni. Prima puntata

di Alessandro De Pascale* Da un lato Turchia e Qatar, in campo a sostegno ...

Piccolo Atlante di una Pandemia (Febbraio 2022)

Una panoramica globale sull’evoluzione del virus e soprattutto della risposta di Paesi, Governi, Continenti, Persone

La caduta di Boris

Dopo quasi tre anni, una Brexit, una pandemia e una nuova guerra in Europa, il premier britannico  è costretto a lasciare   

di Lucia Frigo da Londra Dopo quasi tre anni, una Brexit, una pandemia e ...