Rompicapo Libia

La stampa americana scrive che, prima che il generale  Khalifa Haftar lanciasse la sua offensiva su Tripoli, l'Arabia Saudita gli ha offerto  decine di milioni di dollari per contribuire a pagare l'operazione

Giorni prima che il generale  Khalifa Haftar lanciasse un’offensiva su Tripoli, l’Arabia Saudita avrebbe offerto  decine di milioni di dollari per contribuire a pagare l’operazione. Lo scrive il Wall Street Journal. L’offerta sarebbe arrivata durante una visita di Haftar alla capitale saudita, Riad, in vista della sua campagna militare del 4 aprile. Citando alti consiglieri del governo saudita, il giornale scrive  che l’offerta di fondi – accettata da Haftar – era destinata ad acquistare la lealtà dei leader tribali, reclutare e pagare combattenti e raggiungere altri scopi militari.

La vicenda racconta solo una parte dei tanti giochi che riguardano i diversi attori – da Riad a Parigi, da Ankara a Roma – interessati al rompicapo libico su cui atlanteguerre ha chiesto un’analisi al generale Fabio Mini che pubblicheremo nei prossimi giorni con un’intervista di Alice Pistolesi. Per capire cosa si muove sul teatro libico e nel backstage della guerra tra fazioni.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo. In copertina un’immagine del generale Haftar

Tags:

Ads

You May Also Like

Guerra all’istruzione

Nell'Africa Centro-Occidentale, l'insicurezza provocata dai conflitti e la sfiducia nel sistema, hanno portato 1,9 milioni di bambini fuori lontani dalle scuole. Il rapporto di Unicef

Attacchi e minacce contro l’istruzione hanno portato circa 1,9 milioni di bambini dell’Africa Centro ...

Nessuno vince in Congo

Rinviati i risultati delle attese elezioni presidenziali, mentre l'opposizione teme brogli e il clima si scalda

Non si conoscono ancora i risultati delle elezioni che si sono tenute nella Repubblica ...

Burkina Faso: una crisi senza precedenti

A causa della violenza di gruppi armati provenienti dal Mali, nel Paese si trovano oggi 1milione e 50mila sfollati, mentre ad aprile 2020 erano 600-700mila. L'intervista a un operatore Intersos