Rompicapo Libia

La stampa americana scrive che, prima che il generale  Khalifa Haftar lanciasse la sua offensiva su Tripoli, l'Arabia Saudita gli ha offerto  decine di milioni di dollari per contribuire a pagare l'operazione

Giorni prima che il generale  Khalifa Haftar lanciasse un’offensiva su Tripoli, l’Arabia Saudita avrebbe offerto  decine di milioni di dollari per contribuire a pagare l’operazione. Lo scrive il Wall Street Journal. L’offerta sarebbe arrivata durante una visita di Haftar alla capitale saudita, Riad, in vista della sua campagna militare del 4 aprile. Citando alti consiglieri del governo saudita, il giornale scrive  che l’offerta di fondi – accettata da Haftar – era destinata ad acquistare la lealtà dei leader tribali, reclutare e pagare combattenti e raggiungere altri scopi militari.

La vicenda racconta solo una parte dei tanti giochi che riguardano i diversi attori – da Riad a Parigi, da Ankara a Roma – interessati al rompicapo libico su cui atlanteguerre ha chiesto un’analisi al generale Fabio Mini che pubblicheremo nei prossimi giorni con un’intervista di Alice Pistolesi. Per capire cosa si muove sul teatro libico e nel backstage della guerra tra fazioni.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo. In copertina un’immagine del generale Haftar

Tags:

Ads

You May Also Like

Caso Diciotti: senza diritti chi è in fuga dalle armi

Il Movimento Non Violento interviene sulla nave della Guardia Costiera all'ancora nel porto di Catania: "Molti fra i sequestrati  potrebbero essere obiettori di coscienza cui la Ue e la Costituzione italiana riconoscono la possibilità di asilo"

  Poiché molti dei profughi sequestrati sulla nave Diciotti – all’ancora al porto di ...

Emergenza Mozambico

Si chiama «Dineo». È un violento ciclone tropicale. Ha colpito il Mozambico con piogge ...

Somalia, l’embargo violato

Emirati Arabi Uniti ma anche lo stesso governo somalo continuano a non rispettare la restrizione Onu. Un nuovo rapporto

di Al. Pi. L’imposizione di un embargo non è, come si sa, di per ...