Salgado: così l’Amazzonia rischia il genocidio

Lettera aperta del grande fotografo e di molti altri a Bolsonaro. "Il Covid- 19 è solo una delle minacce"

“Siamo alla vigilia di un genocidio”: così denuncia Sebastião Salgado, il grande fotografo brasiliano, in un appello lanciato oggi, che punta il dito sul rischio di omicidio di massa sulle popolazioni indigene dell’Amazzonia. “Cinque secoli fa, questi gruppi etnici sono stati decimati da malattie portate dai colonizzatori europei … Ora, con questo nuovo flagello che si sta diffondendo rapidamente in tutto il Brasile … [potrebbero] scomparire completamente, poiché non hanno alcun mezzo per combattere il Covid-19”.

L’appello, in forma di  lettera aperta al presidente brasiliano, Jair Bolsonaro, vede la firma di una coalizione globale di artisti, celebrità, scienziati e intellettuali, tra cui Madonna, Oprah Winfrey, Brad Pitt, David Hockney e Paul McCartney, e afferma che la pandemia significa che le comunità indigene in Amazzonia si trovano ad affrontare “un’estrema minaccia per la loro stessa sopravvivenza”.

I  cercatori d’oro  e i disboscatori illegali devono essere espulsi immediatamente dalle terre indigene per impedire loro di importare la pandemia. Questo denuncia l’appello di Salgado, in netto contrasto con le politiche di Bolsonaro, che fino ad ora è andato nella direzione opposta, non facendo mistero di non tenere in alcun conto il destino degli abitanti primari del grande polmone del Pianeta.

(Red/MS)

Nell’immagine di  Fernando Frazão (Agência Brasil) un rittratto di Salgado 


									

Tags:

Ads

You May Also Like

Scontro tra titani (2)

Con la richiesta di estradizione di Meng Wanzhou, alta funzionaria Huawei, inviata dagli Usa al Canada, la guerra fra Usa e Cina si gioca ora su più fronti: legale, diplomatico, economico e strategico

di Maurizio Sacchi Gli Stati Uniti hanno richiesto al Canada l’estradizione di Meng Wanzhou, ...

Nuove sanzioni a Caracas ma nessuna spallata

Il vicepresidente Usa Pence promette l’inasprimento delle misure contro il  Venezuela dove sono solo poche decine i militari che hanno disertato. In azione paramilitari di entrambe le parti sui due lati del confine con la Colombia

di Maurizio Sacchi Alla fine di un  week-end  di sangue, veleni, concerti, gas lacrimogeni ...

Centroamerica: “Solo lo sviluppo ferma la violenza”

Il presidente del Messico Obrador lancia un'iniziativa per andare alla radice del fenomeno migratorio nella regione più violenta del mondo. E chiede agli Usa di cambiare rotta

di Maurizio Sacchi La Commissione economica per l’America Latina e i Caraibi (ECLAC) ha ...