Se i soldi non fanno la felicità

La crescita economica è l’unico modo sicuro per aumentare il benessere soprattutto nei Paesi a basso reddito? Una ricerca suggerisce che “Ci possono essere buone ragioni per mettere in discussione questa ipotesi”

di Alessandro Graziadei*

Il detto “i soldi non fanno la felicità” ha sempre fatto un po’ sorridere. Sembra nato per consolare chi con i soldi deve farci i conti, non tanto per capire come spenderli, ma piuttosto per capire se bastano. Anni di studi e decine di economisti hanno evidenziano che è “la crescita economica” l’unico modo sicuro per aumentare il benessere delle persone anche e soprattutto nei Paesi a basso reddito. Ora lo studio  “Happy without money: Minimally monetized societies can exhibit high subjective well-being”, pubblicato in gennaio su PLOS One da un team internazionale di ricercatori guidato dall’Universitat Autònoma de Barcelona e dalla  McGill University di Montreal suggerisce che “Ci possono essere buone ragioni per mettere in discussione questa ipotesi”. Quali ragioni?

La prima è non limitare l’analisi della felicità alle società figlie di un progresso sociale ed economico che spesso si è rivelato evidentemente salvifico, perché capace di emanciparci da preoccupazioni che i soldi hanno risolto, regalandoci stili di vita più agiati, ma in molte occasioni è stato ed è ancora “scorsoio”, come lo ha ben definito il poeta Andrea Zanzotto. Per questo i ricercatori si sono proposti di scoprire come le persone valutano il loro benessere soggettivo nelle società in cui il denaro svolge un ruolo minimo e che di solito non vengono incluse nei sondaggi sulla felicità globale, scoprendo che “La maggior parte delle persone che vivono e lavorano in questi contesti ha livelli di felicità notevolmente elevati”.

 

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

Per capire come la monetizzazione dell’economia influisca sul senso di benessere delle persone, i ricercatori spagnoli e canadesi hanno passato molto tempo in diverse piccole comunità di pescatori nelle Isole Salomone e in Bangladesh, due Paesi a bassissimo reddito. Per alcuni mesi, con l’aiuto di traduttori locali, hanno intervistato più volte i residenti delle aree rurali e urbane alla ricerca di informazioni su ciò che costituiva la felicità per i soggetti di studio, nonché per farsi un quadro il più possibile attendibile dei loro stati d’animo passeggeri, dei loro stili di vita, delle loro attività e anche dei livelli di reddito della famiglia…. (continua su Unimondo)

  • Caporedattore per il portale Unimondo.org                                                                                                                   In copertina uno scatto di Nick Hillier

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Usa-Cina: la guerra dei dazi divampa

Hong Kong e Taiwan terreno di scontro fra le due potenze. Crolla Wall Street, e nell’ex colonia torna la violenza. La vendita di caccia F16 a Taipei  irrita Pechino

di Maurizio Sacchi Gli indici Dow Jones americani  sono crollati di circa 150 punti ...

Un Recovery Plan per le Forze Armate

Il piano del governo per dare "piena attuazione ai programmi di specifico interesse volti a sostenere l’ammodernamento e il rinnovamento dello strumento militare". Il commento del direttore dell'Atlante Raffaele Crocco