Silvia libera: una vittoria per tutti

La cooperante italiana 25enne era stata rapita in Kenya. Ora aspettiamo il suo rientro in Italia.

Silvia Romano è libera!
Lo scriviamo con una gioia incredibile.
Silvia, cooperante italiana in Kenya, era stata rapita nel Novembre 2018 durante la sua missione di volontariato ed oggi è libera dopo un anno e mezzo di prigionia in Somalia.

Questa è una notizia che fa bene a tutti. Fa bene a chi come noi ne ha parlato incessantemente, affinché non cadesse nel silenzio la storia di una giovane donna coraggiosa e dedita a costruire un futuro migliore; fa bene ai tanti che come lei sono cooperanti per passione e a coloro che sognano prima o poi di partire; fa bene al mondo della cooperazione internazionale, che è fatto proprio di persone così, che con scelte silenziose e quotidiane non smettono di lavorare nonostante le avversità.

E’ una notizia che fa bene anche a chi aveva inizialmente denigrato Silvia e la sua scelta di sporcarsi le mani e farsi cittadina del Mondo con una missione.
E fa bene a tutti, per ricordarci perchè è importante schierarci contro la guerra e chi la pratica.
Quando Silvia arriverà in Italia, lo farà con un implicito messaggio: il volontariato, la solidarietà, la cooperazione internazionale uniscono il Mondo; raccolgono il Paese attorno ai suoi valori. Molte volte hanno anche un lieto fine.

Tags:

Ads

You May Also Like

L’Africa tra economia criminale e corruzione

Tredici diverse forme di economia criminale, divise in tre categorie, attività illegali, commercio illecito ...

Etiopia – Eritrea: pace possibile alla frontiera

Il conflitto per le terre di confine pare essere arrivato ad una conclusione. Dopo anni di violenza, morti e scontri diplomatici, sembra che si sia arrivati ad una svolta, ma la strada per una vera pace è ancora lunga

di Ilario Pedrini È lungo e in salita il cammino di pace tra Eritrea ...

La repressione non ferma la resistenza birmana

Il Movimento di disobbedienza civile continua ma sempre con maggiori difficoltà.  Le nuove accuse ad Aung San Suu Kyi. La presa di posizione dei monaci. Lo stallo sulle sanzioni. Scontri con le autonomie regionali armate