The First Global War: 1914-2014. A Trento la mostra che racconta le guerre


Sarà inaugurata venerdì 19 dicembre alle 17.30 a Le Gallerie di Piedicastello (Trento) la mostra fotografica THE FIRST GLOBAL WAR: 1914-2014. Il progetto è promosso dall’Associazione 46° Parallelo e dall’Atlante delle Guerre e realizzato in collaborazione con il Museo Storico del Trentino e Me-Mo Magazine. Resterà aperta al pubblico fino al 2 giugno 2015.

Il 2014, anno del centenario dello scoppio della Prima guerra mondiale, si sta concludendo. Tra gli eventi e le iniziative promosse a livello provinciale e nazionale, incentrate sulla tragedia della Grande Guerra, non è stata ancora tentata la rilettura dei conflitti più recenti. Da qui l’idea della mostra The First Global War 1914-2014, la Prima Guerra Globale, promossa dall’Associazione 46° Parallelo, che troverà spazio nella Galleria bianca e integrerà la ricca offerta proposta dalla Fondazione Museo storico del Trentino presso Le Gallerie con la mostra “La Grande Guerra sul grande schermo” e i percorsi espositivi “I trentini nella guerra europea” e “A colpi di matita: la Grande Guerra nella caricatura”.

55 fotografie di reporter europei che hanno vinto Pulitzer o Robert Capa Gold Medal, 5 grandi infografiche, informazioni, video di Medici senza Frontiere e altri autori: è tutto questo a raccontare “la guerra dura da cent’anni”, o almeno così sembra al curatore della mostra Raffaele Crocco, inventore e direttore dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo, per anni reporter in zone di guerra.

Questa mostra è nata dal bisogno di raccontare l’oggi, per togliere enfasi e retorica a ieri. Dal 1914 a al 2014, il filo di continuità è stato impressionante.  Non solo per le poche interruzioni temporali – pochi anni davvero senza scontri armati – quanto per il legame saldo fra le ragioni del conflitto, gli interessi dei Paesi protagonisti e vittima,  la progressione costante nelle tecniche di combattimento. Insomma, una guerra senza fine, in termini di tempo e spazio.

Oltre a Raffaele Crocco è stato coinvolto Fabio Bucciarelli, fotoreporter torinese  considerato fra i trenta migliori del settore nel mondo, che ha aderito mettendo a disposizione le proprie conoscenze, l’esperienza e i contatti. Lo staff dell’Atlante delle Guerre e dei Conflitti del Mondo – cioè il grafico Daniele Bellesi, Federica Ramacci e Beatrice Taddei Saltini della redazione – hanno messo insieme dati e informazioni.

Un lavoro di squadra durato qualche mese, che ha portato al risultato voluto: raccontare la tragedia della guerra per quello che è, entrando nella vita di chi la subisce, analizzandone i risvolti geo-politici e umani, tracciandone la continuità in 100 anni di follia.  La mostra resterà aperta sino al 2 giugno alle Gallerie a Piedicastello.  L’obiettivo è soprattutto parlare alle ragazze e ai ragazzi delle scuole. È lì che nascono le idee che fanno diventare cittadini informati e liberi. È da lì che bisogna partire per spiegare cosa davvero è la guerra.

I colleghi degli organi di informazione sono invitati all’inaugurazione che si svolgerà venerdì 19 dicembre ad ore 17.30.

 

INFO

Fondazione Museo storico del Trentino

Tel. 0461 230482info@museostorico.itwww.museostorico.it

LE GALLERIE – PIEDICASTELLO TRENTO

Ingresso libero

Martedì-domenica, 9.00-18.00

Chiuso il lunedì, il 25 dicembre e il 1° gennaio.

Tags:

Ads

You May Also Like

Pakistan, sposarsi per forza diventa un gioco

di Ilario Pedrini Il matrimonio forzato è «un matrimonio in cui uno o entrambi ...

Turchia, i diritti in cantina

di Andrea Tomasi La Turchia di Erdogan, scampato in poche ore al colpo di ...

Basta vudù, l’editto che sa di libertà

Dopo l'editto di revoca di tutti i riti vudù nell'Edo State cosa cambia per le ragazze vittima di tratta? L'intervista a Maria Nella Lippi di Oxfam

di Alice Pistolesi Potrebbe essere una decisione storica dal sapore di libertà per molte ...