Torna la protesta in Sudan

Manifestazioni a un anno dalla firma dell'accordo per la condivisione del potere tra militari e rappresentanti del movimento per la democrazia. Disperse dalla polizia

A un anno dalla firma di un accordo per la condivisione del potere tra militari e rappresentanti del  movimento per la democrazia, il Sudan torna a manifestare. Avvolti da bandiere sudanesi e cantando slogan che chiedono ulteriori riforme, i manifestanti si sono riuniti lunedi nella capitale davanti alla sede dell’esecutivo per protestare contro la lentezza del processo di riforma. Intendevano infine consegnare  un elenco di richieste che includono l’elezione di un organo legislativo. La Sudanese Professionals Association (SPA), l’organizzazione ombrello di gruppi pro-democrazia che ha guidato le proteste che hanno portato alla caduta del dittatore  Omar al-Bashir un anno fa, ha reso noto che  le forze di sicurezza hanno disperso con violenza i manifestanti dopo che avevano chiesto di incontrare il premier  Abdallah Hamdok che ha negato l’incontro.

L’immagine di copertina e’ tratta da un video di Al Jazeera

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

(Red/Est)

Tags:

Ads

You May Also Like

Una spina africana per Teheran

Il Marocco accusa l'Iran di armare il Polisario, che smentisce. L'intervista a un attivista saharawi di Wesa Times

Nel riassetto delle alleanze nel Vicino Oriente si inserisce anche la questione Sahara Occidentale. ...

Congo, Tshisekedi vince le elezioni

Dubbi sul risultato da Francia e Belgio

Cambio al potere in Congo. Il candidato dell’opposizione Felix Tshisekedi è stato proclamato vincitore ...

Madrid: allarme rosso per il clima

i grandi inquinatori bloccano ogni accordo. Ma una svolta virtuosa non è un'utopia

“Ho partecipato a questi negoziati sul clima da quando sono iniziati nel 1991. Ma ...