Torture e violenze per chi scappa dall’Isis

da www.interris.it

Paramilitari e forze irachene e curde si sono macchiate di violazioni di diritti umani e crimini di guerra nei confronti di chi fuggiva dal sedicente Stato Islamico.

A denunciarlo Amnesty International in un rapporto presentato martedì 18 ottobre dal titolo “Uccisi per i crimini di Daesh: violazioni dei diritti umani contro gli sfollati iracheni ad opera delle milizie e delle forze governative”.

Il rapporto, composto da oltre 470  interviste a ex detenuti, testimoni, familiari di persone uccise, scomparse o in prigionia, funzionari, attivisti, operatori umanitari, si riferisce alle violazioni commesse tra maggio e del giugno 2016 per riconquistare Falluja e le zone limitrofe.

Attacchi per vendetta e discriminazioni di ogni tipo verso degli arabi sunniti sospettati di essere stati complici dell’Is sono riportati nelle pagine del rapporto.

Rapimenti e le uccisioni di massa nella zona di Falluja non sono stati episodi isolati. In tutto il paese, migliaia di arabi sunniti sono stati sottoposti a sparizioni forzate e torture. Nella maggior parte dei casi, sono stati fatti sparire dopo che si erano consegnati alle forze filo-governative o dopo essere stati catturati nelle loro abitazioni, nei campi per sfollati o a posti di blocco lungo le strade. Secondo un parlamentare, dalla fine del 2014 le Brigate Hizbullah hanno rapito fino a duemila uomini solo al posto di blocco di al-Razzaza.

Tutti i maschi in fuga dalle zone controllate dall’Is e considerati in età da combattimento sono stati sottoposti a brutali controlli. Il rapporto di Amnesty International denuncia il costante ricorso alla tortura nei centri usati per i controlli di sicurezza.

Amnesty International ha trasmesso le conclusioni del proprio rapporto alle autorità irachene e curde il 21 settembre. Le prime non hanno risposto, le seconde le hanno smentite.

 

Il dossier completo

http://www.amnesty.it/iracheni-in-fuga-dallo-stato-islamico-torturati-fatti-sparire-e-uccisi-per-vendetta

 

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Giornalisti sotto attacco, il dibattito all’Onu

Domani e’ una giornata importante per la liberta’ di stampa. A distanza di sette ...

Burundi, sangue contro oro e uranio

di Andrea Tomasi Pierre Nkurunziza, presidente della Repubblica del Burundi, continua ad esser accolto ...

Il nodo dello Stretto

Teheran ha fatto sapere che prevede di quadruplicare la produzione di uranio arricchito a basso livello e che entro pochi giorni raggiungerà il limite delle scorte consentite dall'accordo sul nucleare concordato nel 2015. Una partita che si gioca attorno a un braccio di mare strategico per le vie del greggio

Dopo una guerra di parole tra Stati Uniti e Iran, Teheran ha fatto sapere ...