Torture e violenze per chi scappa dall’Isis

da www.interris.it

Paramilitari e forze irachene e curde si sono macchiate di violazioni di diritti umani e crimini di guerra nei confronti di chi fuggiva dal sedicente Stato Islamico.

A denunciarlo Amnesty International in un rapporto presentato martedì 18 ottobre dal titolo “Uccisi per i crimini di Daesh: violazioni dei diritti umani contro gli sfollati iracheni ad opera delle milizie e delle forze governative”.

Il rapporto, composto da oltre 470  interviste a ex detenuti, testimoni, familiari di persone uccise, scomparse o in prigionia, funzionari, attivisti, operatori umanitari, si riferisce alle violazioni commesse tra maggio e del giugno 2016 per riconquistare Falluja e le zone limitrofe.

Attacchi per vendetta e discriminazioni di ogni tipo verso degli arabi sunniti sospettati di essere stati complici dell’Is sono riportati nelle pagine del rapporto.

Rapimenti e le uccisioni di massa nella zona di Falluja non sono stati episodi isolati. In tutto il paese, migliaia di arabi sunniti sono stati sottoposti a sparizioni forzate e torture. Nella maggior parte dei casi, sono stati fatti sparire dopo che si erano consegnati alle forze filo-governative o dopo essere stati catturati nelle loro abitazioni, nei campi per sfollati o a posti di blocco lungo le strade. Secondo un parlamentare, dalla fine del 2014 le Brigate Hizbullah hanno rapito fino a duemila uomini solo al posto di blocco di al-Razzaza.

Tutti i maschi in fuga dalle zone controllate dall’Is e considerati in età da combattimento sono stati sottoposti a brutali controlli. Il rapporto di Amnesty International denuncia il costante ricorso alla tortura nei centri usati per i controlli di sicurezza.

Amnesty International ha trasmesso le conclusioni del proprio rapporto alle autorità irachene e curde il 21 settembre. Le prime non hanno risposto, le seconde le hanno smentite.

 

Il dossier completo

http://www.amnesty.it/iracheni-in-fuga-dallo-stato-islamico-torturati-fatti-sparire-e-uccisi-per-vendetta

 

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Migranti, la nuova (pericolosa) rotta dal Mar Nero

Una fuga dalla Siria attraverso il Mar Nero con arrivo in Romania. Ancora i ...

Giordania: un’oasi tra le guerre

di Alice Pistolesi Dalla caotica e decadente Amman al deserto rosso e roccioso del ...

Il Mediterraneo, il gigante russo e l’Italia

di Tommaso Andreatta Durante l’incontro che si è tenuto negli scorsi giorni tra il ...