Tributo di sangue

Nello Yemen continua a salire il numero delle vittime. Novembre 2017 il mese peggiore

Secondo i dati raccolti dal Centro di ricerca  sulla localizzazione e gli eventi dei conflitti armati (ACLED)  almeno 28.115 persone sono morte  nei primi 11 mesi di quest’anno nel conflitto in Yemen con  un aumento del 68% rispetto al 2017. Novembre è stato il mese peggiore con 2.959 assassini documentati. Da gennaio 2016, sarebbero oltre 60.110 le persone uccise in seguito alla guerra scatenata dalla coalizione a guida saudita che ha utilizzato una massiccia campagna di  bombardamenti aerei. “La stima di ACLED delle morti dovute direttamente al conflitto nello Yemen è di gran lunga superiore alle stime ufficiali -ed è ancora sottovalutata”, ha detto Clionadh Raleigh, direttore esecutivo di ACLED.

Come riporta il sito dell’Ufficio dell’Inviato speciale Onu per lo Yemen Martin Griffiths, circa 14 milioni di persone nel Paese, ossia la metà della popolazione totale dello Yemen, stanno affrontando “condizioni pre-carestia”. Così ha ha spiegato  Mark Lowcock,  sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ocha, da cui è ripresa la mappa a fianco), in un briefing al Consiglio di sicurezza.

Il progetto ARMed Conflict Location & Event Data (ACLED) – da cui è tratta la mappa di copertina – è un progetto disaggregato di analisi dei conflitti e mappatura delle crisi.

Tags:

Ads

You May Also Like

La strada in salita della parità di genere

La Giornata internazionale per l'eliminazione della violenza contro le donne ci ricorda anche quanto ancora siamo lontani dai uno dei principi costitutivi dell'Unione europea. Un Focus sulle disparità nel settore della ricerca e dell'innovazione

Se la violenza è anche figlia della disuguaglianza allora è bene sottolineare che in ...

Amnesty: Israele liberi i palestinesi sottoposti a detenzione amministrativa

Nel rapporto intitolato “Affamati di giustizia: palestinesi detenuti senza processo da Israele”, Amnesty International ...

Siria, l’Isil fa ancora paura

L'attacco alla prigione di Sinaa, nel Nord Est, ha messo in luce che il gruppo terroristico è ancora attivo e si sta riorganizzando

“Una tragedia prevedibile che mette in luce la necessità di un’azione internazionale urgente”. Così ...