Tributo di sangue

Nello Yemen continua a salire il numero delle vittime. Novembre 2017 il mese peggiore

Secondo i dati raccolti dal Centro di ricerca  sulla localizzazione e gli eventi dei conflitti armati (ACLED)  almeno 28.115 persone sono morte  nei primi 11 mesi di quest’anno nel conflitto in Yemen con  un aumento del 68% rispetto al 2017. Novembre è stato il mese peggiore con 2.959 assassini documentati. Da gennaio 2016, sarebbero oltre 60.110 le persone uccise in seguito alla guerra scatenata dalla coalizione a guida saudita che ha utilizzato una massiccia campagna di  bombardamenti aerei. “La stima di ACLED delle morti dovute direttamente al conflitto nello Yemen è di gran lunga superiore alle stime ufficiali -ed è ancora sottovalutata”, ha detto Clionadh Raleigh, direttore esecutivo di ACLED.

Come riporta il sito dell’Ufficio dell’Inviato speciale Onu per lo Yemen Martin Griffiths, circa 14 milioni di persone nel Paese, ossia la metà della popolazione totale dello Yemen, stanno affrontando “condizioni pre-carestia”. Così ha ha spiegato  Mark Lowcock,  sottosegretario generale delle Nazioni Unite per gli affari umanitari (Ocha, da cui è ripresa la mappa a fianco), in un briefing al Consiglio di sicurezza.

Il progetto ARMed Conflict Location & Event Data (ACLED) – da cui è tratta la mappa di copertina – è un progetto disaggregato di analisi dei conflitti e mappatura delle crisi.

Tags:

Ads

You May Also Like

Processate i generali birmani. Per genocidio

Un rapporto commissionato dal Consiglio Onu dei diritti umani accusa: contro Rohingua, Kachin e Shan un piano preordinato dei militari per l'eliminazione fisica delle comunità

I vertici militari del Myanmar devono essere indagati e processati  per genocidio in seguito ...

Duque conquista la presidenza in Colombia

Il candidato del centrodestra alle elezioni presidenziali colombiane batte l'avversario del centrosinistra Gustavo Petro

Fotonotizia: Il candidato del centrodestra alle elezioni presidenziali colombiane Ivan Duque ha vinto contro ...

Camerun, fine di un’era?

Vacilla il posto del presidente Paul Biya mentre il Paese è allo sbando tra le violenze di Boko Haram, del movimento separatista anglofono e dell'esercito

di Alice Pistolesi Sembra finita l’era di Paul Biya: 85 anni di cui 36 ...