Turchia: Condanna Ue ma senza embargo

L'Unione europea richiama Ankara per l'invasione in Siria ma non riesce a trovare una posizione comune sullo stop alla vendita di armi

“L’UE condanna l’azione militare della Turchia che compromette seriamente la stabilità e la sicurezza dell’intera regione, aumentando le sofferenze dei civili, provocando ulteriori sfollamenti e ostacolando fortemente l’accesso all’assistenza umanitaria. Così facendo, rende di gran lunga più difficili le prospettive del processo politico guidato dalle Nazioni Unite per raggiungere la pace in Siria….”.

E’ questo il testo della dichiarazione congiunta dei ministri degli Esteri della Ue raggiunta ieri in Lussemburgo. Ma sulla vendita di armi ad Ankara la Ue lascia libertà di scelta ai singoli Paesi: “Gli Stati membri si impegnano in ferme posizioni nazionali in merito alla loro politica di esportazione di armi alla Turchia” dice il passaggio più forte in merito. In sostanza la constatazione che non c’è una posizione comune.

Quanto all’Italia, “Nelle prossime ore  varerà un decreto ministeriale che devo firmare come ministro degli Esteri” per bloccare “l’export di armamenti verso la Turchia per tutto quello che riguarda il futuro dei prossimi contratti e dei prossimi impegni”. Così il ministro degli Esteri Luigi Di Maio a margine del Consiglio europeo di ieri.  Oggi ha poi però chiarito che un’apposita commissione vaglierà i contratti in essere.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Non dobbiamo dimenticare la banalità dell’orrore

È la cifra che sgomenta. Erano 6milioni di persone. Sono diventate ricordi che non abbiamo quasi più, che sbiadiscono nelle celebrazioni invece di fissarsi nell’orrore. Un orrore banale, sciatto, quotidiano. Un orrore che fa impazzire...

Lesotho: l’esercito nelle strade

Colpo di mano del Primo ministro, indagato per omicidio, nel piccolo regno africano: "per restaurare l'ordine"

Soldati armati con giubbotti antiproiettile e caschi nelle strade e mezzi blindati nelle strade ...

Brasile, Lula batte Bolsonaro (di misura)

L'ex Presidente vince col 50,8% dei voti rispetto al 49,2% del rivale

“Siamo un solo Paese, un solo popolo, una grande nazione”. Così Luiz Inacio Lula ...