Ucraina, la nuova strategia russa. Il punto

Zelensky teme un'offensiva dalla Bielorussia, mentre il Cremlino cerca uomini e mezzi. La situazione al 323esimo giorno
di Raffaele Crocco
 
Sono 323 giorni: il tempo corre verso il primo anno di invasione russa dell’Ucraina. Un tempo lunghissimo e macabro, segnato da un centinaio di migliaia di morti, fra civili e militari, dalla distruzione di un Paese, dalla paura che la guerra si allarghi, diventi mondiale e definitiva.
I segnali vanno oltre le parole e le minacce delle cancellerie. Il Presidente ucraino, Volodymyr Zelensky, ha invitato l’esercito a tenersi pronto al Nord, al confine con la Bielorussia. Lo Stato maggiore teme una nuova offensiva russa da quella direttrice e ancor di più teme che la Bielorussia possa scendere in campo a fianco di una Russia apparentemente stremata.
 
Timori eccessivi? Forse. I dati sul terreno mostrano Putin sempre più in difficoltà sul piano militare, alle prese con una guerra che sta triturando uomini e mezzi. Sul piano dei mezzi, Mosca sta cercando forniture ovunque, ma il problema è enorme: i grandi produttori di armi giocano dall’altra parte della barricata. Per quanto riguarda i soldati da schierare, una soluzione i vertici del Cremlino la stanno cercando modificando la fascia di età per il servizio militare obbligatorio. Oggi è fra i 18 e i 27 anni, verrà aumentata a 21-30 anni. Nell’immediato però, ha spiegato il Presidente della Commissione Difesa della Duma di Stato, Andrei Kartapolov, si passerà a una nuova fascia più ampia, fra i 18 e i 30 anni. “Nella fase iniziale – ha detto – ci sarà un ‘sistema misto’, che copre i cittadini di età compresa tra i 18 e i 30 anni”. La transizione inizierà la prossima primavera, quando si prevede una nuova fase offensiva russa in Ucraina.
 
Nel frattempo, Putin ha nominato un nuovo capo si Stato maggiore per le forze russe in Ucraina. È il generale Gerasimov. Una scelta che non ha stupito gli osservatori internazionali. Mosca -sostengono – sta mettendo in campo molti cambiamenti, proprio mentre è in corso la battaglia più sanguinosa dall’inizio dell’invasione. La si sta combattendo per il controllo di Soledar e Bakhmut, nella regione di Donetsk. “Impossibile contare il numero dei morti sul campo di battaglia. Nessuno lo fa”, ha dichiarato un soldato ucraino.
 
I bollettini di guerra confermano la strage. Le forze armate ucraine parlano di cento soldati russi uccisi in un solo scontro, proprio vicino a Soleder, grazie all’azione congiunta delle forze speciali, dell’artiglieria e delle forze missilistiche. È la risposta ai, pare, 600 soldati ucraini caduti in uno scontro in settimana. Tra le vittime ucraine, secondo il gruppo paramilitare russo Wagner, sarebbe stato trovato anche il corpo senza vita di uno dei due volontari britannici dichiarati dispersi.
 
Una contabilità tragica, che allontana sempre più ogni ipotesi di negoziato per un cessate il fuoco. Come previsto, la “tregua unilaterale” annunciata da Putin per il Natale ortodosso, il 6 gennaio, non ha tenuto. Le operazioni militari sono continuate, dall’una e dall’altra parte, mentre nelle città e dove si poteva si celebravano i medesimi riti. La guerra infinita sta diventando un peso per l’intera comunità internazionale, non solo per il pericolo di un allargamento. È l’economia a vacillare. Lo denuncia la Banca Centrale Europea. “La guerra in Ucraina – scrive in un rapporto – continua a rappresentare un rischio al ribasso per l’intera economia. I costi dei beni legati all’energia e alimentari potrebbero rimanere più’ elevati delle attese, creando un freno alla crescita dell’area Euro. Questo potrebbe portare un pesante e significativo indebolimento dell’economia mondiale”.

Tags:

Ads

You May Also Like

Siamo tutti Rifugiati

20 giugno – Giornata Mondiale del Rifugiato Di Raffaele Crocco Rifugiati da chi? Da ...

Polonia/Bielorussia: in mezzo le vittime di ricatti e giochi politici

La  partita geopolitica sui figli di catene di tragedie fatte di guerre, ingiustizie, miseria. Concatenazioni di problemi che li hanno fatti scappare da casa, fuggire lontano, in un domino che sembra non finire mai

Durante un dibattito tenuto martedì al Parlamento Europeo, la vicepresidente della Commissione Europea, Margaritis ...

Congresso umanitario

A novembre Intersos compie 30 anni. Un'occasione per riflettere su alcuni dei principali cambiamenti che hanno interessato l'azione umanitaria e sul ruolo dell' organizzazione all'interno di questo contesto in continua evoluzione

  Questo novembre INTERSOS compirà 30 anni. Un’occasione per riflettere apertamente su alcuni dei principali cambiamenti che ...