Violente proteste in tutto il Kenya (aggiornato)

Riprende la protesta nell'intero  Paese nonostante il Presidente abbia fatto marcia indietro sulla scelta di aumentare le tasse

Il Kenya è tornato in piazza anche oggi in tutto il Paese scontrandosi con le forze di sicurezza e nonostante il Presidente Ruto abbia ritirato il progetto di nuove tasse all’origine della protesta che però ora ha preso di mira lo stesso Ruto e l’élite politica. La polizia ha sparato gas lacrimogeni e usato gli idranti contro i manifestanti in tutto il Kenya a cominciare dalla capitale Nairobi mentre centinaia di manifestanti hanno marciato attraverso Mombasa, la seconda città più grande del Paese, ma anche nelle città di Kisumu, Nakuru e Nyeri. Alcuni – riferisce Al Jazeera – portavano fronde di palma, suonavano corni di plastica e battevano sui tamburi, cantando “Ruto deve andarsene!”.

Le proteste di oggi  si sono trasformate in disordini sempre più diffusi da quando decine di manifestanti sono stati uccisi negli scontri di una settimana fa in una fase di manifestazioni molto partecipate iniziate il 26 giugno scorso – e culminate nell’incendio del palazzo del Parlamento –  contro il progetto di legge su nuove tasse in una situazione di protesta diffusa già da settimane. Dimostrano  che il Presidente William Ruto non è riuscito a placare il movimento di protesta guidato soprattutto dai giovani, nonostante abbia abbandonato i piani di aumento delle tasse che hanno innescato i disordini del mese scorso (vedi il nostro servizio sulle manifestazioni qui). Una nuova manifestazione nazionale è prevista per giovedi.

Aggiornato alle 21.00 del 2 luglio 26  ora italiana 

—————————————————————————————————————–

L’inizio delle manifestazioni il 26 giugno

Una parte del Parlamento keniota a Nairobi è stata data alle fiamme dopo che i manifestanti contrari alle nuove leggi fiscali votate l’altro ieri hanno fatto irruzione nel complesso in cui si trova l’edificio istituzionale.  I reporter della Bbc  hanno scritto ieri pomeriggio che nella capitale Nairobi si sono uditi colpi di arma da fuoco e che almeno una persona era morta mentre decine di manifestanti sono stati feriti dopo la violenta reazione della polizia messa in atto per disperdere chi protestava. In tarda mattinata  il bilancio era già di almeno 13 vittime e una ventina di scomparsi.Ieri sera il Presidente ha tenuto un discorso durissimo accusando “infiltrati” in un movimento pacifico cui il governo risponderà duramente con l’esercito per ristabilire l’ordine.

Alcuni parlamentari – riferisce ancora l’emittente britannica – si erano rifugiati nei sotterranei del Parlamento mentre la protesta si va estendendo anche in altre parti del Kenya, mentre cresce la rabbia per le nuove misure fiscali votate a Nairobi.

La protesta dura da settimane contro il disegno di legge finanziaria che proponeva aumenti delle tasse dovute al fatto che il per il Governo è necessario aumentare i fondi per finanziare i servizi senza aumentare il peso del debito del paese. Tra le proposte iniziali c’era un’imposta sulle vendite del 16% sul pane e un’imposta del 25% sull’olio per cucinare, generi di primissima necessità.

In copertina e nel testo, fotogrammi  della diretta della Tv Ktn durante l’assalto al Parlamento. La diretta si può seguire qui

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di situazioni in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Cyberspionaggio: il volo a largo raggio di Pegasus

Si allarga lo scandalo del sistema di controllo telematico del Marocco: nella lista degli spiati presidenti e premier. Da Macron a Prodi

Se è vero che anche il telefono del presidente francese Emmanuel Macron era in ...

Nessuno vince in Congo

Rinviati i risultati delle attese elezioni presidenziali, mentre l'opposizione teme brogli e il clima si scalda

Non si conoscono ancora i risultati delle elezioni che si sono tenute nella Repubblica ...

Eritrea, i motivi della fuga

L’Eritrea è un paese dal quale si fugge. Dal Paese del Corno d’Africa scappano ...