Un appello per riconvertire la spesa militare

Sottoscritto da 50 Premi Nobel per trasformare il 2% di  quanto spendiamo in armi in una battaglia di civiltà multilaterale. Per cinque anni

Volentieri segnaliamo e riproduciamo l’appello sottoscritto da 50 Premi Nobel per riconvertire una parte di quanto spendiamo in armi in una battaglia di civiltà multilaterale

Ridurre le spese militari del 2% in tutti i Paesi. Risparmiare mille miliardi di dollari in 5 anni
per combattere le emergenze planetarie

Le spese militari mondiali sono raddoppiate dal 2000. Si stanno avvicinando ai 2000 miliardi di dollari
all’anno, e stanno aumentando in tutte le regioni del mondo (*). Singoli governi sono sotto pressione per aumentare le spese militari perché altri lo fanno. Il meccanismo di feedback sostiene una corsa agli armamenti a spirale – un colossale spreco di risorse che potrebbero essere usate molto più saggiamente. Le corse agli armamenti del passato hanno spesso avuto lo stesso risultato: conflitti mortali e distruttivi. Abbiamo una semplice proposta per l’umanità: i governi di tutti gli stati membri delle Nazioni Unite dovrebbero negoziare una riduzione congiunta delle loro spese militari del 2% ogni anno per cinque anni.

La logica della proposta è semplice:
• Le nazioni avversarie riducono le spese militari, così la sicurezza di ogni paese aumenta, mentre la
deterrenza e l’equilibrio sono preservati.
• L’accordo contribuisce a ridurre l’animosità, diminuendo così il rischio di guerra.
• Vaste risorse – un “dividendo di pace” di ben mille milioni di dollari entro il 2030 – sono rese
disponibili.

Proponiamo che la metà delle risorse liberate con questo accordo siano assegnate a un fondo globale, sotto la supervisione delle Nazioni Unite, per affrontare i gravi problemi comuni dell’umanità: pandemie, cambiamento climatico e povertà estrema. L’altra metà rimane a disposizione dei singoli governi. Tutti i paesi avranno quindi nuove risorse significative. Alcune di queste possono essere usate per reindirizzare le forti capacità di ricerca delle
industrie militari verso applicazioni pacifiche urgentemente necessarie.

La storia dimostra che gli accordi per limitare la proliferazione delle armi sono realizzabili: grazie ai trattati SALT e START, gli Stati Uniti e l’Unione Sovietica hanno ridotto i loro arsenali nucleari del 90% dagli anni Ottanta. Questi negoziati possono avere successo perché sono razionali: ogni attore beneficia della riduzione degli armamenti dei suoi avversari, e così l’umanità nel suo insieme. L’umanità affronta rischi che possono essere evitati solo attraverso la cooperazione. Cooperiamo, invece di litigare tra di noi.

(*) Istituto internazionale di ricerca sulla pace di Stoccolma

 

 

Per sottoscrivere l’appello clicca qui

Tags:

Ads

You May Also Like

Nucleare, Trump sbatte la porta (aggiornato)

Gli Usa abbandonano l'Intermediate-Range Nuclear Forces Treaty (INF), pietra miliare  del regime internazionale del controllo degli armamenti. E poche ore dopo anche Putin prende la stessa decisione

di Elia Gerola. La comunità internazionale è in subbuglio. Tra i protagonisti ancora una ...

Yemen, autonomia soffocata

di Andrea Tomasi Lo Yemen occupa una posizione strategica: controlla una parte dello stretto ...

Rapporto Cesvi: il mondo ha sempre piu’ fame

Il Cesvi (Centro Cooperazione e Sviluppo), come ogni anno, pubblica il Rapporto sull’Indice Globale ...