Usa vs Iran: “Restiamo (armati) nel Golfo Persico”

La portaerei Nimitz, richiamata dalle acque che bagnano la Repubblica islamica, resterà dov'e' ora per "minacce di Teheran a Trump e agli Usa"

Il Pentagono ha annullato la sua precedente decisione far rientrare dal Golfo Persico la portaerei Nimitz dislocata nelle acque che bagnano l’Iran dalla fine di novembre. In una dichiarazione del 31 dicembre infatti, il segretario alla Difesa statunitense Christopher Miller – ricorda oggi Al Jazeera – aveva ordinato alla nave di tornare a casa, una mossa che equivaleva a un segnale distensivo nei confronti di Teheran. Ma poi le cose sono cambiate e domenica Miller (nell’immagine destra tratta dal sito della Difesa americana) ha ribaltato la decisione precedente. Una mossa che torna a far salire la tensione tra Washington e Teheran.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

E’ una vicenda solo parzialmente oscurata dallo scoop del Washington Post sulla minacciosa telefonata di Trump ieri ai funzionari georgiani ma che torna a far salire la tensione nell’intero quadrante mediorientale  e non solo con Teheran perché a ridosso del  primo anniversario dell’uccisione a Bagdad da parte americana del comandante iraniano Qassem Soleimani e il suo luogotenente iracheno Abu Mahdi al-Muhandisil. Anniversario marcato da manifestazioni in molte città mediorientali a cominciare da Bagdad.

“A causa delle recenti minacce emesse dai leader iraniani contro il presidente Trump e altri funzionari del governo degli Stati Uniti, ho ordinato alla Nimitz di interrompere la sua riorganizzazione di routine” ha scritto ieri Miller, aggiungendo che la Nimitz rimarrà in servizio nell’area operativa del Comando Centrale degli Stati Uniti e che “nessuno dovrebbe dubitare della determinazione degli Stati Uniti d’America “.

(Red/Est)

In copertina la portaerei  Nimitz

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

La guerra in Yemen e l’Italia complice

«Bombe prodotte in Sardegna e vendute ai Saud che colpiscono obiettivi civili». La denuncia di Giorgio Beretta (Opal - Rete Disarmo)

di Ilario Pedrini Uno dei Paesi più ricchi d’Europa, la Germania, vende bombe ad ...

Iracheni ancora in piazza

La protesta non si è fermata con la nomina del nuovo primo Ministro. Nuove denunce di ong e società civile contro la repressione

L’Iraq ha un nuovo primo Ministro ma la protesta degli iracheni non si ferma ...

Pakistan e India: cosa cambia dopo la vittoria talebana

Armi e nuovi scenari nel Kashmir: la posizione dei due Paesi

Alti ufficiali dell’esercito indiano hanno espresso preoccupazione sul fatto che le armi americane sequestrate ...