Usa/Iran. Scontro frontale in Senato

Anche i repubblicani votano la limitazione dei poteri di Trump. Non potrà fare nuove azioni di guerra contro Teheran senza l'approvazione del Congresso

Quasi nello stesso momento in cui, a Kirkuk  in Irak, una selva di razzi Katyusha colpiva un’area di stazionamento di soldati americani – un probabile atto legato all’uccisione del generale iraniano Soleimani – ben altra battaglia si combatteva nel Senato statunitense dove la possibilità  del presidente Donald Trump di condurre una guerra contro l’Iran senza l’approvazione del Congresso è stata limitata da una risoluzione approvata anche dai suoi colleghi repubblicani. Otto fra loro han fatto saltare giovedi la maggioranza del partito in Senato per votare a favore della delibera che costringe Trump a consultarsi con il Congresso prima di condurre operazioni militari contro l’Iran.

La Camera – ricorda Bbc – aveva già approvato la risoluzione nella prima decade di gennaio (224 voti a favore e 194 contrari), dopo che Trump aveva  ordinato l’uccisione del militare iraniano a Bagdad, fatto che ha suscitato molte polemiche. Trump può ora mettere il veto.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo. Nell’immagine, il Senato Usa

Tags:

Ads

You May Also Like

Lo stupro arma della guerra nel Sudan del Sud

Migliaia di persone nel Sudan del Sud hanno subito violenza sessuale dall’inizio del conflitto nel ...

Non cediamo il diritto alla felicità

Di Raffaele Crocco La cosa terribile è pensare che potrebbe essere la persona seduta ...

Bolivia: un golpe anomalo

Lunedì 11 ottobre, il presidente boliviano Evo Morales si è dimesso, “per evitare una ...