Usa/Iran. Scontro frontale in Senato

Anche i repubblicani votano la limitazione dei poteri di Trump. Non potrà fare nuove azioni di guerra contro Teheran senza l'approvazione del Congresso

Quasi nello stesso momento in cui, a Kirkuk  in Irak, una selva di razzi Katyusha colpiva un’area di stazionamento di soldati americani – un probabile atto legato all’uccisione del generale iraniano Soleimani – ben altra battaglia si combatteva nel Senato statunitense dove la possibilità  del presidente Donald Trump di condurre una guerra contro l’Iran senza l’approvazione del Congresso è stata limitata da una risoluzione approvata anche dai suoi colleghi repubblicani. Otto fra loro han fatto saltare giovedi la maggioranza del partito in Senato per votare a favore della delibera che costringe Trump a consultarsi con il Congresso prima di condurre operazioni militari contro l’Iran.

La Camera – ricorda Bbc – aveva già approvato la risoluzione nella prima decade di gennaio (224 voti a favore e 194 contrari), dopo che Trump aveva  ordinato l’uccisione del militare iraniano a Bagdad, fatto che ha suscitato molte polemiche. Trump può ora mettere il veto.

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo. Nell’immagine, il Senato Usa

Tags:

Ads

You May Also Like

Sudan: c’è l’accordo

Militari e civili, con la mediazione di Unione Africana ed Etiopia, sono arrivati ad un'intesa per il periodo di transizione

Accordo raggiunto in Sudan tra i militari e l’opposizione civile riunita nelle Forze per ...

Accordo nel sangue

In Sudan l'intesa tra civili e militari per un governo di transizione è stata raggiunta ma subito sospesa. Continuano scontri e vittime

Non è il caso di cantare vittoria in Sudan. Nella giornata di ieri l’accordo ...

Sahara Occidentale, l’inviato Onu rinuncia

A Hornst Kohler si doveva la ripresa del dialogo tra Fronte Polisario e Marocco. La situazione ritorna ora in un granitico stallo

Si è dimesso Hornst Kohler, inviato speciale che per conto delle Nazioni Unite stava ...