Venezia, premio Mutti a Soheila Mohebi

Si rinnova anche nel 2016 la stima e l’apprezzamento per il lavoro e l’impegno in ambito cinematografico e sociale dei registi Razi e Soheila Mohebi (nella foto), rifugiati politici residenti a Trento dal 2008: Soheila Mohebi ha infatti ricevuto il premio Gianandrea Mutti – Archivio delle memorie migranti. Il riconoscimento le è stato consegnato nella giornata di oggi, 3 settembre 2016, all’Hotel Excelsior del Lido durante la 73esima Mostra Internazionale del Cinema di Venezia. Il titolo dell’opera da lei scritta e premiata come miglior sceneggiatura tra diversi candidati è “Una Casa sulle Nuvole”, una storia che affronta il rapporto tra la prima, la seconda e la terza generazione di migranti.

Il Premio Mutti-AMM è un concorso nazionale promosso da Associazione Amici di Giana, Officina Cinema Sud Est, Fondazione Cineteca di Bologna e Archivio delle Memorie Migranti (AMM), con il sostegno di Fondazione lettera27 e la collaborazione di Prendiamo la Parola, ed ha come scopo quello di supportare la realizzazione di produzioni cinematografiche realizzate da cineasti migranti presenti nel nostro paese che s’ispirino a una visione partecipata della cultura contemporanea e di sensibilità per il tema della diversità culturale e dell’inclusione sociale.
Il film, prodotto dalla trentina Razi Film House, dovrà essere realizzato entro il 30/06/2015, non ci resta quindi che augurare buon lavoro alla coppia di registi ed ai loro collaboratori ed attendere il risultato dei loro sforzi che, ne siamo sicuri, non deluderà di certo le aspettative.

Tags:

Ads

You May Also Like

Turchia e Ue, intervista ad Anna Maria Giordano

La giornalista Rai (Radio3 Mondo) ai microfoni di Caravan parla del futuro del governo di Ankara. La Turchia fa tanto comodo alle grandi potenze: un Paese che, con i profughi siriani, oggi fa il lavoro sporco per conto dell'Unione Europea

di Andrea Tomasi La Turchia brutta sporca e cattiva. Ma è veramente così? C’è ...

Gaza, la tregua dopo i raid

La nuova spirale di violenza, partita dall'omicidio del leader della Jihad palestinese Abu al-Ata, pare essersi arrestata. Cosa è successo

Una nuova, l’ennesima, escalation di violenza ha provocato 32 morti e circa 100 feriti ...

In piazza ovunque per non dimenticare la pace

All’inizio fu uno, uno solo. Piazzato lì davanti, in silenzio, giovane. Rimase davanti al municipio di Prijedor con la sua fascia bianca al braccio per far capire che non andava bene, per urlare – in silenzio, appunto – che la pace in Bosnia era ancora lontana.

Questo è l’avvio di una campagna che 46° Parallelo e l’Atlante delle Guerre e ...