Venezuela, ennesimo scontro istituzionale

L'ombra della crisi umanitaria sui Paesi vicini. Il ruolo di Messico, Argentina, Russia

di Maurizio Sacchi

Domenica 5 gennaio, le forze di sicurezza venezuelane hanno impedito l’accesso al leader dell’opposizione Juan Guaidó a una sessione speciale dell’Assemblea Nazionale, dove si prevedeva che fosse rieletto come presidente del parlamento. In assenza di Guaidó, è stato eletto alla carica Luis Parra, un esponente dell’opposizione, ma avversario di Guaidò, e sostenuto dal Chavismo.

Dopo gli eventi di domenica, i governi di Messico e Argentina si sono allineati con i principali alleati internazionali di Guaidó nel loro rifiuto del “colpo di stato che ha portato all’auto-proclamazione come presidente dell’Assemblea nazionale” di Parra. Ore dopo, tuttavia, la maggioranza dei legislatori dell’Assemblea nazionale si è incontrata in una sessione di emergenza altrove, rieleggendo Guaidó e accusando Maduro di tentare un “colpo di stato parlamentare”. Parlando con i giornalisti all’esterno dell’edificio dell’Assemblea nazionale, Guaidó ha definito i sostenitori di Maduro “legislatori traditori” e li ha accusati di “assassinare la repubblica“.

L’ultima crisi arriva quasi un anno dopo che Guaidó si è dichiarato presidente ad interim del Paese con il sostegno dell’Assemblea. Guaidó ricevette allora  rapidamente il riconoscimento degli Stati Uniti e di quasi altri 60 paesi come legittimo presidente del Venezuela.

A breve termine, Guaidó sembra rinvigorito dopo una difficile fine del 2019 in cui la sua popolarità è diminuita e si sono aperte crepe nella sua coalizione.  Scrive il Financial Times: “ La foto che è stata diffusa che lo ritrae mentre scala  i cancelli del parlamento per tentare di entrare nell’Assemblea Nazionale suggerisce un uomo che vuol vedere rispettata la democrazia.  (Guaidò) Ha anche ricevuto il sostegno di 100 legislatori in una sessione parlamentare improvvisata” la sera del 5 gennaio.

A lungo termine, secondo il più importante quotidiano economico statunitense, tuttavia, Guaidò potrebbe avere difficoltà a mantenere questo slancio e la defezione di Parra, insieme a quella di altri deputati ribelli, mostra che la sua coalizione è vulnerabile. Anche se Guaidó conserva la sua legittimità internazionale, il regime continuerà a spingere il leader dell’opposizione ai margini a livello nazionale” è la valutazione di Teneo,un importante think tank con base a New York, che opera sopratutto come consulente di società finanziarie.

E’ questo, per ora, l’ultimo atto di un braccio di ferro che ha sullo sfondo una vera crisi umanitaria, i cui effetti più visibili sono i 3 milioni di profughi e migranti che dal Venezuela sono finiti nella vicina Colombia -oltre due milioni- , e in Brasile, Perù, e altri Paesi. A questo aspetto della crisi venezuelana, il Financial times dedica un articolo specifico.

Perché una crisi umanitaria così grande e grave sta suscitando una risposta così misera a livello internazionale? Le emergenze dei rifugiati di Siria, Myanmar e Sud Sudan hanno innescato sostanziali promesse di aiuti da parte delle nazioni donatrici. Al contrario, la crisi umanitaria del Venezuela, una delle più grandi della storia moderna, rimane disperatamente sottofinanziata”.

 Solo la metà del fabbisogno totale di aiuti umanitari venezuelani del 2019 di $ 738 milioni è stato finanziato, secondo i dati delle Nazioni Unite. Una conferenza internazionale di solidarietà sul Venezuela a Bruxelles, in ottobre, ha suscitato impegni per 120 milioni di euro da parte dei paesi donatori, ma la maggior parte di essi sono state ripetizioni di promesse già fatte.In  quattro anni di crisi, secondo la Brookings Institution di Washington, la comunità internazionale ha speso solo $ 580 milioni in assistenza. A fronte di $ 7,4 miliardi per i rifugiati siriani nei primi quattro anni di quell’emergenza.

Il tema dei rifugiati sta diventando incandescente, e rischia di suscitare un nuovo pericolo: la xenofobia.  Su questo aspetto, il quotidiano di Madrid El Pais scrive: Per il 2020, la crisi venezuelana non mostra segni di miglioramento. Il governo Maduro si aggrappa al potere. Non ci sono stati progressi visibili verso una soluzione politica negoziata. Un gran numero di persone continua ad andarsene e la tensione sulle nazioni ospitanti regionali è in aumento. I rischi di instabilità che ne derivano meritano attenzione: diversi paesi andini hanno subito violente proteste di massa lo scorso anno e mentre questi non erano direttamente correlati all’afflusso venezuelano, le continue difficoltà economiche nelle nazioni ospitanti potrebbero facilmente provocare xenofobia e divisione”.

Le Nazioni Unite hanno fissato un obiettivo di 1,35 miliardi di dollari per il piano di risposta alla crisi dei rifugiati e migranti venezuelani  nel 2020. Non tutto deve provenire dalla comunità internazionale; un gruppo di emigrati venezuelani ha proposto un programma umanitario di vendita di petrolio condotto sotto l’egida delle Nazioni Unite (ma imparando lezioni di governance da un esercizio simile durante gli anni ’90 per aiutare l’Iraq) come possibile fonte di fondi. La crisi umanitaria del Venezuela ha da tempo cessato di essere un affare regionale. Merita una rapida risposta globale proporzionata alle sue dimensioni e all’importanza internazionale.

Nel frattempo, l’Organizzazione degli Stati americani (OAS) e il gruppo di Lima hanno condannato l’accaduto domenica pomeriggio, e l’incaricato speciale degli Stati uniti per il Venezuela, Elliott Abrams, ha sottolineato che le reazioni della comunità internazionale alle posizioni più innovative sono quelle del Messico e l’Argentina. “L’Argentina ha affermato che l’accaduto è inaccettabile e il Messico che è fondamentale  il funzionamento democratico”, ha riassunto Abrams.

Il fatto che queste  posizioni provengano dai governi di sinistra aggiunge importanza a ciò che è accaduto e aumenta l’isolamento del regime di Maduro.” “Sappiamo tutti del sostegno della Colombia alla democrazia in Venezuela e a Juan Guaidó. Ma il nuovo governo argentino ha prese una posizione leggermente diversa e così pure il Messico. Ovviamente non hanno la stessa posizione degli Stati Uniti, ma è stato molto interessante il fatto che lo stesso giorno, e senza esitazione per un secondo, abbiano giudicato inaccettabile ciò che è accaduto “, ha aggiunto Abrams.

Il Messico vota per consentire all’Assemblea. nazionale del Venezuela di eleggere democraticamente il proprio presidente, in conformità con quanto previsto dalla Costituzione di quel paese fratello. Il legittimo funzionamento del potere legislativo è un pilastro inviolabile di democrazie“, ha affermato il Ministero degli  esteri Marcelo Ebrard Casaubon. Fino ad ora il governo messicano ha tenuto le distanze da ciò che stava accadendo in Venezuela, nonostante i tentativi di entrambe le parti di conquistarlo alla propria causa. Il governo del Messico insiste sulla dottrina del non intervento, e ha aperto mesi fa la possibilità di offrirsi come mediatore..

Anche il ministro degli Esteri argentino, Felipe Solá, ha ricordato che l’esecutivo di Alberto Fernández, insediatosi a dicembre, “ha cercato in tutti i modi di fare in modo che il dialogo e gli accordi siano la strada per il pieno recupero del funzionamento democratico della Repubblica Bolivariana del Venezuela . Impedire il funzionamento del corpo legislativo con la forza è condannarsi all’isolamento internazionale. Rifiutiamo questa azione e esortiamo l’esecutivo venezuelano ad accettare che la strada sia esattamente opposta. L’Assemblea deve eleggere il suo presidente con totale legittimità“, ha affermato il Ministro degli Esteri argentino .

Il presidente argentino, Alberto Fernández, ha scelto di abbandonare la politica di isolamento nei confronti di Nicolás Maduro che ha caratterizzato il suo predecessore, Mauricio Macri. Il presidente, non è disposto però ad essere un alleato incondizionato del leader venezuelano, a differenza dell’ex presidente Cristina Fernández de Kirchner (2007-2015), ora vicepresidente. Con la sua nuova politica estera, l’Argentina punta, come il Messico, a trovare un terzo modo per trovare una soluzione pacifica alla crisi politica ed economica in Venezuela.

Per quanto riguarda il resto della comunità internazionale, gli Stati Uniti hanno messo in evidenza il ruolo e la presenza della Russia, che ha dislocato 150 soldati in Venezuela ma ha escluso un ruolo attivo in Iran. “In questo momento hanno già abbastanza problemi”, ha detto Abrams.

“Stiamo studiando attentamente il ruolo della Russia, non permetteremo il livello di supporto degli ultimi mesi senza reagire. Ci sono 150 soldati russi in Venezuela. Non vogliamo essere coinvolti militarmente ma mantenere la pressione economica“, ha aggiunto Abrams. “I russi sostengono il regime, ma sappiamo che non stanno investendo in Venezuela. Stanno solo recuperando i loro soldi. Non investono o prestano i loro soldi, perché non hanno fiducia nel regime. Al Cremlino sanno che il regime è ogni giorno sempre più debole “.

In riferimento a Luis Parra, il deputato eletto a capo della Camera in modo così controverso, gli Stati uniti hanno confermato che ricadrà anch’egli nelle sanzioni imposte dall’amministrazione Trump al paese caraibico. “Stiamo sanzionando dall’anno scorso le persone coinvolte nella distruzione della democrazia in Venezuela. Sì, lo includeremo (Luis Parra) nelle sanzioni “, ha concluso.

Il cambio di agenda regionale delì’Argentina  di Fernández non si limita al Venezuela, ma è visibile anche con i vicini Brasile e Bolivia. Buenos Aires e Brasilia sono condannate a capirsi per il loro importante commercio bilaterale, ma la mancanza di armonia tra i due leader può offuscare la relazione. Il presidente del Brasile Jair Bolsonaro si è reso a suo tempo protagonista di una vera campagna per la rielezione dell’ultra-neoliberista  Macri, e si è rifiutato di congratularsi con il presidente eletto per la sua vittoria. Poco dopo, ha suggerito che se il governo argentino rifiuta di aderire all’accordo di libero scambio firmato tra il Mercosur – il patto commerciale fra i Paesi dell’America del sud – e l’Unione europea, “dovrà essere rimosso” come partner del blocco regionale, dove Fernández è attualmente l’unico leader non di destra.

 

Nell’immagine di copertina Juan Guaidó con il presidente colombiano Ivan Duque e il vicepresidente americano Mike Pence 

Tags:

Ads

You May Also Like

Terzo Mondo, tra aiuti gonfiati e budget oscuri

di Andrea Tomasi Quanti soldi vengono spediti realmente nei Paesi più poveri del mondo, ...

La linea rossa dell’Africa

Scelte economiche drastiche che ricadono sulla popolazione, forte instabilità politica e malcontento sociale accomunano le crisi in corso in Congo, Zimbabwe e Sudan

di Alice Pistolesi Popolazione allo stremo, manovre economiche disperate, malcontento sociale, manifestazioni di dissenso ...

Burundi, sangue contro oro e uranio

di Andrea Tomasi Pierre Nkurunziza, presidente della Repubblica del Burundi, continua ad esser accolto ...