Verona. La spensierata fiera delle armi

Una manifestazione fieristica che ammicca allo sport. Ma rischia di diffondere una cultura pericolosa nel Belpaese. La denuncia di un gruppo di  associazioni

L’Osservatorio permanente sulle armi leggere e le politiche di sicurezza e difesa (OPAL) di Brescia e la Rete italiana Pace e Disarmo insieme alle associazioni del Comitato veronese per le iniziative di pace, promuovono per domani sabato 30 aprile (ore 15.00-17.00)  nella Sala incontri della Parrocchia di San Luca, in Corso Porta Nuova 12 a Verona,  il convegno “EOS, la nuova fiera delle armi di Verona e il mercato delle armi in Italia”.  Il convegno sarà introdotto da Piergiulio Biatta (Presidente di OPAL) e interverranno Mao Valpiana (Presidente del Movimento Nonviolento), Giorgio Beretta (Analista di OPAL) e Gabriella Neri (Presidente di Ognivolta) che tratteranno del tema delle fiere di armi in Italia e in Europa, della diffusione della armi comuni in Italia, delle norme e dei problemi relativi alla detenzione di armi nel nostro Paese. La mattina di sabato 30 aprile, le associazioni veronesi promuovono un volantinaggio e un momento di sensibilizzazione di fronte all’ingresso Re Teodorico della Fiera (in viale dell’Industria) dove verrà inaugurata la fiera “European Outdoor Show” (EOS)

In un comunicato congiunto le associazioni spiegano che “La fiera “European Outdoor Show” (EOS) è stata presentata come la “nuova manifestazione fieristica di riferimento in Italia per la caccia, il tiro sportivo, l’outdoor, la pesca nelle sue varie declinazioni e la nautica” (organizzata dal Consorzio Armaioli Italiani e da Pintails S.r.l.) e che  la manifestazione sarà aperta al pubblico e armi e munizioni sportive saranno tra le protagoniste”. Gli espositori saranno i produttori e gli importatori di armi e di munizioni oltre che dei prodotti per caccia, tiro sportivo ed outdoor, agenzie di turismo venatorio e ci sarà un’ampia area dedicata alla pesca. Saranno inoltre presenti anche i media di settore, le associazioni e le federazioni. Tra le armi esposte in fiera vi saranno però anche armi da difesa personale, e armi e materiali per corpi di sicurezza privata e l’accesso in fiera è permesso a tutti anche ai minori di età purché accompagnati. 

“Tutto questo – scrivono ancora le associazioni in una nota – caratterizza EOS di Verona come la continuazione delle manifestazioni fieristiche che si sono tenute in Italia negli anni scorsi  (EXA di Brescia e HIT Show di Vicenza) e cioè come un’operazione propagandistica volta ad incentivare la diffusione delle armi in Italia.  Nei mesi  scorsi le nostre associazioni hanno chiesto ai promotori della fiera EOS di implementare un Codice di responsabilità sociale d’impresa e un regolamento della manifestazione fieristica, offrendo indicazioni in merito, ma – nonostante una positiva interlocuzione con Veronafiere – niente di concreto è stato fatto. Considerato che la fiera EOS è promossa anche da Veronafiere S.p.A., che è una società per azioni i cui principali azionisti sono Enti pubblici come il Comune di Verona (maggiore azionista con il 39,5%), la Provincia di Verona (1,4%) e Regione Veneto (0,1%) ma anche l’Agenzia veneta per l’innovazione nel settore primario (ente strumentale della Regione del Veneto col 5,4%) crediamo che sia compito proprio di queste istituzioni promuovere al più presto un Regolamento della fiera EOS così come avviene per altre manifestazioni fieristiche come Vinitaly (dove non è permesso l’ingresso ai minori di 18 anni, anche se accompagnati).

Le associazioni rinnovano “la richiesta ai promotori di EOS di implementare un Regolamento in grado di garantire che il salone fieristico EOS sia conforme alle finalità dichiarate e cioè una manifestazione “dedicata alla caccia, al tiro sportivo e all’outdoor”, escludendo pertanto l’esposizione di armi e strumenti non conformi a questi settori (armi da difesa personale, per corpi di polizia e di sicurezza pubblica e privata, armi da guerra ad uso collezionistico, armi da softair ecc.), vietando ogni tipo di attività a iniziative di rilevanza politica, proibendo l’esposizione di materiali pubblicitari per formazioni di tipo paramilitare, vietando l’accesso agli spazi espositivi di armi a persone che non abbiano compiuto la maggiore età anche se accompagnate”. 

In copertina particolare di un fucile da caccia

Ads

You May Also Like

Aukus: l’ira di Cina ed Europa dopo la nuova alleanza in lingua inglese

Gli Usa tentano di raffreddare la rabbia europea per il patto  di sicurezza tra Stati Uniti, Regno Unito e Australia arrivato sui tavoli della diplomazia internazionale come una bomba

Gli Stati Uniti rassicurano Parigi sul fatto che la Francia rimane un “partner vitale” ...

L’ombra del nucleare sul conflitto in Ucraina

In Russia ci sono oltre 5,900 testate e  circa 1500 sono già costantemente in stato d’allerta, operative e pronte all’uso

di Elia Gerola La stabilità nucleare europea e globale domenica 27 febbraio 2022 è ...

Una Festa senza divisa

Nel silenzio dei Fori Imperiali, il Coronavirus e le incoerenze di un normale 2 Giugno che celebra la Repubblica. Quest'anno senza  parata militare

di Raffaele Crocco La questione è capire perché una Repubblica che ha una Costituzione ...