Verso Mykolaiv

Seconda giornata della Carovana di pace StoptheWarNow in Ucraina ripartita stamattina da Odessa 

dall’inviato Emanuele Giordana

E’ il secondo appuntamento  delle giornate ucraine della Carovana di pace StoptheWarNow. Carovana che è partita stamattina da Odessa per Nykolaiv, città a nord del porto sul Mar Nero e sottoposta a pesanti bombardamenti. Un viaggio al centro del conflitto per dimostrare la solidarietà e una vicinanza fisica alle vittime della guerra. La Carovana porta anche gli aiuti materiali raccolti dalle 176 associazioni che si riconoscono nella coalizione. Il convoglio è ridotto è per motivi di sicurezza. E’ guidato dai coordinatori di queste giornate nel cuore del conflitto: Gianpiero Cofano e Tonio Dell’Olio. Con loro, sulla macchina che guida la mini colonna, anche l’inviato della Cei mons Francesco Savino.

La giornata di ieri aveva invece visto l’arrivo di StoptheWarNow a Odessa dopo un viaggio durato due giorni. Ma la conferenza stampa tenuta all’arrivo con alti prelati locali delle diverse chiese ucraine (cattoliche e non) è stata una sorpresa che ha evidenziato la difficoltà oggettiva che anche la Chiesa prova quando si affronta la difficile frontiera che divide pace da autodifesa, diritto di reagire da tentativo di mediare. In una parola, dalla “guerra giusta” di Sant’Agostino alla “guerra folle” di papa Francesco. Tonio dell’Olio, che moderava l’incontro, è riuscito a far rientrare nel binario del dialogo ecumenico i discorsi anche molto forti dei sacerdoti ucraini in cui prevale il senso dell’autodifesa – comprensibile – ma anche un forte sentimento antirusso assai meno accettabile e condivisibile. L’inviato della Cei mons Francesco Savino ha tentato di ricucire riproponendo il  modello non violento: “Dalle guerre non esce mai un vincitore e perdono tutti. La non violenza è l’unico metodo per risolvere i conflittie ha citato Helder Camara, il presule brasiliano icona dei movimenti di liberazione: “Il sogno di uno è solo un sogno – ha detto – ma il sogno di tanti diventa realtà”. Se l’era dovuta vedere prima sia con l’intervento del vescovo greco cattolico di Odessa Bubnji, che ha evocato il genocidio del suo popolo, sia con le accuse al Vaticano per il “silenzio sulla Crimea”.

Tant’è, se la conferenza stampa ha avuto il suo calor bianco, ricondotto da Dell’Olio e Savino nell’alveo di una diatriba inevitabile che segna la forza del dialogo, la Carovana è comunque arrivata a Odessa ed era inevitabile che, laici o religiosi, la sua presenza avrebbe suscitato reazioni come già a Leopoli l’aprile scorso, quando i partecipanti alla coalizione StoptheWarNow fecero una marcia simbolica per le vie della città. Guardati con scetticismo da molti passanti. Contraddizioni inevitabili e che è inutile nascondere.

La coalizione rappresenta 176 organizzazioni della società civile italiana ma, in effetti, la stragrande maggioranza dei partecipanti è formata da cattolici. Forse un segno anche questo. Viene da chiedersi perché tanti laici siano rimasti a casa anche se per alcuni son state cause di forza maggiore (il team di Mediterranea per esempio si è preso il Covid ed è rimasto obtorto collo  in Italia). Forse verranno con la nuova e terza Carovana prevista a luglio. Un apporto del movimento laico a quello già forte dei cattolici italiani può aiutare a riempire qualche vuoto e a suggerire altri percorsi anche se la direzione è sempre quella: costruire la pace. Una strada sempre in salita.

Nella foto da sinistra: Gianpiero Cofano, mons Francesco Savino e Tonio Dell’Olio prima della conferenza stampa a Odessa

Tags:

Ads

You May Also Like

Occhi puntati sul Camerun

Il Paese è schiacciato tra le rivendicazioni del Nord e la violazione dei diritti umani da parte dello Stato centrale. Il punto su violenze ed esodi

Sta per precipitare la situazione del Camerun, sempre più schiacciato tra le rivendicazioni del ...

Russia e Turchia si giocano la Siria

In un incontro a Sochi Putin e Erdogan disegnano la mappa del Vicino Oriente: alcuni scenari

di Maurizio Sacchi Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è recato il 5 agosto ...

Ricordo di un massacro

Ventitre anni fa a Srebrenica vennero uccisi oltre 8mila maschi musulmani. Il punto più oscuro di un conflitto. Da non dimenticare

di Elia Gerola Migliaia di persone si sono recate ieri al cimitero di Potocari, ...