Via dalla pazza guerra

Trump decide di uscire dal conflitto siriano. E negozia coi talebani afgani. Sacrificando  gli alleati

Il presidente americano Donald Trump ha annunciato il ritiro di tutti i duemila soldati  statunitensi dalla Siria, dichiarando che ormai è certa la  la vittoria sull’ autoproclamato Stato islamico, mentre spinge per concludere il negoziato coi talebani afgani. Via dalla guerra insomma: una mossa che  contraddice le valutazioni del Pentagono e che crea sconcerto tra alcuni  repubblicani e che, soprattutto,  lascia soli gli  alleati curdi osteggiati da Ankara che ne teme l’autonomia.

Via dalla guerra (ma possibilmente conservando le basi) anche in Afghanistan dove si continua a negoziare coi talebani ma bypassando il governo di Kabul, messo all’angolo dall’iniziativa statunitense. Il presidente isolazionista, che una volta a capo dello Stato aveva però dato retta ai generali del Pentagono, torna sulle primigenie posizioni forse in considerazione dell’importanza delle relazioni con l’alleato turco (in Sira) e dei rapporti di forza con la Russia (sia in Siria sia in Afghanistan).

Nelle due immagini: sopra il titolare del Pentagono Mattis. Sotto, il negoziatore Khalilzad, inviato speciale per l’Afghanistan

Tags:

Ads

You May Also Like

Afghanistan: Il Consiglio di Sicurezza estende di un anno il mandato della missione ONU

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha deciso di prolungare di un anno ...

Il tempio della discordia

Thailandia e Cambogia si sono sempre disputate le terre che circondano le rovine khmer di Prasat Preah Vihear, un luogo sacro sul confine. Oggi non si spara più ma la tensione tra i due regni asiatici non è risolta. Reportage da un nodo irrisolto

Dall’inviato Emanuele Giordana   Preah Vihear (Cambogia) – Raggiungere il tempio khmer di Prasat Preah ...

La memoria del 17mo parallelo

di Emanuele Giordana Il treno notturno parte dalla stazione di Ninh Bin quando le ...