Yazidi in trappola

Un nuovo fronte sul Kurdistan iracheno? Missili, bombardamenti e morti. E’ ancora questa la costante delle giornate del Kurdistan, la terra contesa e divisa tra quattro stati. E purtroppo non ci sono buone nuove.

Dai racconti di un foto giornalista da poco rientrato dall’Iraq arriva la conferma di quanto visto nel giorno della nostra Liberazione.o

Il 25 aprile l’esercito turco ha infatti lanciato missili nella regione montagnosa di Shingal-Sinjar, nel Kurdistan iracheno.

La zona è nota per le stragi e la caccia agli yazidi, che la popolavano in maggioranza. Qui nell’estate del 2014 l’Isis uccise oltre 60mila persone.

Nei giorni scorsi l’aviazione curda è anche intervenuta a Derik, nel Rojava, il Kurdistan orientale siriano, prima fila della guerra all’Isis.

Pare quindi confermata la tesi che l’obiettivo turco rimangono le basi militari affiliate al Pkk, il partito dei lavoratori curdo.

“La zona è sotto embargo ed isolata – racconta il giornalista – e la situazione è molto pesante dal punto di vista umanitario. Da lì le persone non possono fuggire perché circondate da checkpoint. Noi siamo riusciti a passare e ad incontrare la popolazione perché avevamo il permesso dei peshmerga”.

Nell’area insistono tre milizie: i peshmerga (curdi iracheni), le milizie popolari yazide, auto-organizzate e spesso osteggiate dai peshmerga e le basi del Pkk.

“Le milizie yazide – prosegue – contano sul Pkk ma questo non va giù al Pdk (il partito curdo iracheno). I timori degli iracheni sono che la popolazione della zona punti all’autodeterminazione e scelga il confederalismo democratico, sulla scia del Rojava siriano”.

E proprio in questi giorni, il Kurdistan iracheno sta discutendo del referendum sull’indipendenza da Baghdad.

Tags:

Ads

You May Also Like

Diritti umani: com’è facile violarli

Un convegno alla Camera organizzato da PeaceGeneration ha fatto il punto sullo stato della Dichiarazione universale a settant'anni dalla sua nascita

di Emanuele Giordana La bandiera dei diritti umani, la cui la Dichiarazione universale compie ...

Ramoscelli d’olivo a Doha

In Qatar talebani e americani negoziano sull'uscita delle truppe straniere dal Paese, su una tregua, sulla rinuncia a relazioni col terrorismo internazionale. Entra in scena mullah Baradar, colomba della guerriglia. Ma intanto il governo di Kabul resta all'angolo

Dal Qatar, dove ha sede l’ufficio politico dei talebani nella capitale Doha,arrivano segnali sempre ...

Afghanistan: la strada parte da Doha

Americani e talebani siglano in Qatar l'accordo che dovrebbe spianare il  cammino per un  negoziato di pace intra-afgano

Americani e talebani siglano a Doha l’accordo che dovrebbe spianare la strada a un ...