Ai confini della guerra birmana

Il reportage di questa settimana di Alessandro De Pascale dal confine thai-birmano

Provincia di Tak, città di Mae Sot, ufficialmente 100mila abitanti, cui si aggiungerebbero almeno altrettanti birmani, tra rifugiati, clandestini e lavoratori stagionali. Quando a marzo arriviamo in questo piccolo abitato della Thailandia occidentale, al mercato cittadino sono molti i venditori di mercanzie provenienti dall’ex Birmania. Siamo su suolo thai, ma si respira aria birmana. Del resto il confine tra i due Paesi dista una decina di chilometri ed è molto poroso. Volendo evitare i due posti di frontiera terrestri, controllati dai militari, basta arrivare lungo il fiume Moei, che in quest’area segna il confine tra la Thailandia e il Myanmar. Tra la nazione più sviluppata del sud-est asiatico e l’ex Birmania finita dal 1° febbraio 2021 sotto la dittatura di una sanguinaria giunta militare…

Vai al reportage di questa settimana di Alessandro De Pascale dal confine thai-birmano

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Il futuro dell’Artico

È in corso dal 14 al 17 ottobre la Conferenza mondiale  sul Circolo Polare  che discute l’area  "bollente" della geopolitica e della crisi climatica

Di Lucia Frigo Dal 14 al 17 ottobre la città di Reykjavík, Islanda, sta ...

La Libia, la portaerei italiana e la Francia

di Andrea Tomasi Italia strategica. Quante volte lo abbiamo sentito dire? L’Italia è strategica ...

L’Olanda come l’Italia: Antille come Lampedusa

I Paesi Bassi fanno i conti con gli sbarchi di disperati. I venezuelani diventano "arancio": i profughi chiedono asilo in tre isole. L'imbarazzo del governo mentre la gente muore in mare. I cadaveri sulle spiagge e le strategie politiche

di Andrea Tomasi «La crisi del Venezuela è la più grave dell’America Laitina». Lo ...