Media partner
WhatsApp-Image-2020-09-23-at-16.03.09-1
News

Difendere disertori e obiettori

Tutti sembrano disposti a voler garantire che l’Europa – e dunque l’Italia – riconoscano ai soldati russi che disertano e chiedono asilo la protezione internazionale. Ma se si è ucraini? Se si combatte cioè dalla “parte giusta” della guerra? Qui il terreno si fa minato.

Xi e la Cina: un potere in crisi?

La macchina economica si é bloccata. Il pugno di ferro del Presidente all'esame del Partito

di Maurizio Sacchi Il 15 di settembre, il Presidente cinese Xi Jinping ha chiesto ...

Tigrai senza pace

 Si riduce lo spiraglio di speranza sulla possibilità mediazione dell’Unione Africana. Con la ripresa delle ostilità del mese scorso, i livelli di diffidenza reciproca aumentano e la strada del negoziato  sembra ancora in salita

di Marta Cavallaro Eventi inattesi e dichiarazioni inaspettate hanno caratterizzato nelle ultime settimane il ...

Pace, al via la quarta Carovana StopTheWarNow

Parte oggi e raggiungerà Kiev e sarà guidata da Un Ponte Per. Il focus è sulla società civile ucraina e sul tema dell'obiezione di coscienza alla guerra

di Emanuele Giordana E’ all’insegna di un’attenzione specifica al tema atroce quanto non raccontato ...

Burkina Faso, l’istruzione in pericolo

Un documentario di Lucia Michelini e  Georges Apollinaire Yameogo racconta la difficoltà di andare a scuola in un Paese dove oltre 4mila istituti restano chiusi

Il Burkina Faso sta vivendo un clima di generale insicurezza dovuto al dilagare del ...

L’ombra della guerra sul Palazzo di Vetro

La settimana all'Onu dominata dal conflitto in Europa

di Gianna Pontecorboli da New York A raccontare l’atmosfera che ha dominato la settimana ...

L’infanzia negata della Somalia

Armi al posto di giocattoli e scuola: la piaga dei bambini soldato. Sotto accusa la guerriglia ma anche polizia ed esercito nazionale. La presenza armata italiana

di Luciano Bertozzi In Somalia la condizone dell’infanzia e quella di essere ” reclutati ...

Ucraina, 210 giorni di “Operazione speciale”. Il punto

La retorica del  nuovo “padre fondatore” Vladimir Putin si è espressa in un discorso bellicoso, nazionalista, aggressivo. Non poteva essere altrimenti

di Raffaele Crocco La retorica della fondazione, usata da chi si sente un nuovo ...

Newsletter

Per avere in mano la propria vita, si deve controllare la quantità e il tipo di messaggi ai quali si è esposti.
(Chuck Palahniuk)

L’Atlante ha bisogno di risorse per andare avanti nel suo lavoro di informazione. Sostienici!





Per chi non avesse attivo il servizio PayPal può andare a questa pagina.

Facebook
Africa

Tigrai senza pace

 Si riduce lo spiraglio di speranza sulla possibilità mediazione dell’Unione Africana. Con la ripresa delle ostilità del mese scorso, i livelli di diffidenza reciproca aumentano e la strada del negoziato  sembra ancora in salita

di Marta Cavallaro Eventi inattesi e dichiarazioni inaspettate hanno caratterizzato nelle ultime settimane il ...

Asia

Xi e la Cina: un potere in crisi?

La macchina economica si é bloccata. Il pugno di ferro del Presidente all'esame del Partito

di Maurizio Sacchi Il 15 di settembre, il Presidente cinese Xi Jinping ha chiesto ...

Americhe

FaceBook nella campagna elettorale brasiliana

Secondo una ricerca di Global Witness lo scarso controllo sui messaggi pericolosi in Rete alimenta la disinformazione

di Stafano Bocconetti Lo sfondo è il Brasile, quel Paese ormai prossimo alle elezioni ...

Vicino Oriente

Palestina: ancora morte e demolizioni

Quasi 9mila strutture di proprietà palestinese sono state abbattute dal 2009 da Israele. La denuncia dell'Onu mentre la violenza in Cisgiordania continua

Quasi 9mila strutture di proprietà palestinese sono state demolite dal 2009 da Israele. A ...

Europa

Pace, al via la quarta Carovana StopTheWarNow

Parte oggi e raggiungerà Kiev e sarà guidata da Un Ponte Per. Il focus è sulla società civile ucraina e sul tema dell'obiezione di coscienza alla guerra

di Emanuele Giordana E’ all’insegna di un’attenzione specifica al tema atroce quanto non raccontato ...

Difendere disertori e obiettori

Tutti sembrano disposti a voler garantire che l’Europa – e dunque l’Italia – riconoscano ai soldati russi che disertano e chiedono asilo la protezione internazionale. Ma se si è ucraini? Se si combatte cioè dalla “parte giusta” della guerra? Qui il terreno si fa minato.

di Emanuele Giordana La giustizia di Kiev ha rinviato il processo a Ruslan Kotsaba ...

Partners e collaborazioni
logo_MEMO_rosso