Il litio boliviano : un tesoro nascosto

Burocrazia e tecnologia arretrata gli ostacoli  

di Marco Grisenti

Si chiama Salar de Uyuni, si trova nel sud della Bolivia ed è una distesa di sale così vasta e bianca che è addirittura visibile dalla luna. 10.000 km quadrati di piccoli cristalli bianchi – all’incirca l’area del Kosovo – che durante la stagione delle piogge vengono inondati da 15-20 cm di acqua (gelida) proveniente dai fiumi limitrofi, creando un effetto a specchio affascinante e unico. Lo strato superiore del deserto è appunto costituito da esagoni di sale, di una perfezione sconcertante, abbastanza spessi da sopportare il peso delle Jeep di turisti che le attraversano, o degli alberghi di sale sparpagliati qua e là, come igloo nell’Artico.

Ma sotto questo “cappotto” bianco si trova uno strato di salamoia che contiene i più grandi depositi al mondo di litio, un metallo leggero e volatile utilizzato nelle batterie per smartphone, computer e veicoli elettrici…

continua a leggere su: Unimondo

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Migranti, geopolitica della disperazione

di Ilario Pedrini Dopo le polemiche sulle Ong e i limiti posti dal decreto ...

Turchia, gli universitari contro Erdogan

Da oltre un mese sono in corso le manifestazioni degli studenti contro il nuovo rettore dell’Università di Bogaziçi, nominato direttamente dal Presidente della Repubblica

L’Italia ripudia la guerra (a volte)

di Andrea Tomasi L’Italia esporta cultura (non quanto si vorrebbe) e gastronomia, ma siamo ...