Il litio boliviano : un tesoro nascosto

Burocrazia e tecnologia arretrata gli ostacoli  

di Marco Grisenti

Si chiama Salar de Uyuni, si trova nel sud della Bolivia ed è una distesa di sale così vasta e bianca che è addirittura visibile dalla luna. 10.000 km quadrati di piccoli cristalli bianchi – all’incirca l’area del Kosovo – che durante la stagione delle piogge vengono inondati da 15-20 cm di acqua (gelida) proveniente dai fiumi limitrofi, creando un effetto a specchio affascinante e unico. Lo strato superiore del deserto è appunto costituito da esagoni di sale, di una perfezione sconcertante, abbastanza spessi da sopportare il peso delle Jeep di turisti che le attraversano, o degli alberghi di sale sparpagliati qua e là, come igloo nell’Artico.

Ma sotto questo “cappotto” bianco si trova uno strato di salamoia che contiene i più grandi depositi al mondo di litio, un metallo leggero e volatile utilizzato nelle batterie per smartphone, computer e veicoli elettrici…

continua a leggere su: Unimondo

 

Tags:

Ads

You May Also Like

25 Aprile, liberiamo l’informazione

di Raffaele Crocco Facciamo festa, oggi, ma sarebbe interessante pensare alla Liberazione anche in ...

Confine Turchia-Grecia: rifugiati come pedine

Più di 80.000 alla frontiera Nord. Ma tutto nasce dal conflitto in Siria

di Maurizio Sacchi In quella che è dichiaratamente una mossa di pressione per ottenere ...

La sporca storia del petrolio nigeriano

di Tommaso Andreatta In Nigeria il 67% della popolazione – circa 112 milioni di ...