Dossier/ Il mondo ha sempre più bisogno di energia

Si utilizza sempre più energia, i costi delle materie prime sono in aumento, così come gli investimenti delle grandi industrie di gas e petrolio. In questo dossier si fa il punto su quanta energia si consuma nel mondo, su quali sono i Paesi che beneficeranno di più all’aumento dei prezzi e su quali sono le aziende che hanno in programma i maggiori investimenti per l’implementazione di nuovi giacimenti.

Spese e investimenti che, spesso, mal si conciliano con l‘obiettivo 7 dell’Agenda 2030 (il programma d’azione sottoscritto nel settembre 2015 dai governi dei 193 Paesi membri dell’Onu) che punta a “Assicurare a tutti l’accesso a sistemi di energia economici, affidabili, sostenibili e moderni” e con il goal 13 finalizzato al “promuovere azioni, a tutti i livelli, per combattere il cambiamento climatico”.

*In copertina Photo by Marc-Olivier Jodoin on Unsplash. Di seguito due grafici della ricerca di Global Witness e Oil Change International con dati Rystad Energy 

Un mare di investimenti per petrolio e gas

Venti delle più grandi compagnie petrolifere e del gas del mondo spenderanno 932miliardi di dollari entro la fine del 2030 per sviluppare nuovi giacimenti di petrolio e gas ed, entro la fine del 2040, questa cifra crescerà fino a raggiungere i 1,5trilioni di dollari. A rivelarlo una nuova analisi di Global Witness e Oil Change International con dati di Rystad Energy, una società indipendente di ricerca energetica.

Nell’aprile 2022 l’Intergovernmental Panel on Climate Change (Ipcc) ha ribadito che l’uso di “molti meno combustibili fossili di oggi” è “fondamentale” se il mondo vuole avere qualche possibilità di mantenere il riscaldamento globale al di sotto della soglia critica di 1,5°C, come sancito dagli accordi di Parigi. Anche Antonio Guterres, segretario generale delle Nazioni Unite, ha descritto i nuovi investimenti in infrastrutture per combustibili fossili come una “follia morale ed economica”. “I governi e le società ad alto rendimento – ha detto – non stanno solo chiudendo un occhio; stanno aggiungendo benzina al fuoco. Stanno soffocando il nostro Pianeta, sulla base dei loro interessi acquisiti e degli investimenti storici nei combustibili fossili, quando soluzioni rinnovabili più economiche forniscono posti di lavoro ecologici, sicurezza energetica e maggiore stabilità dei prezzi”.

La spesa per i nuovi giacimenti

Sarà l’azienda russa Gazprom quella che spenderà di più in nuovi giacimenti di gas (124miliardi di dollari, quasi un terzo degli investimenti previsti in nuovo gas fossile entro il 2030), seguita da Qatar Energy (56miliardi di dollari) e Total Energies (32miliardi di dollari).

Shell si piazza al quarto posto per investimenti sul gas per 28miliardi di dollari. Mentre tre aziende americane sono in cima alla lista per nuove estrazioni di petrolio: Exxon (59miliardi di dollari), Chevron (57miliardi) e Conoco Phillips (56miliardi). Oltre 173miliardi di dollari saranno investiti, entro la fine del 2030, nello sviluppo e nella scoperta di nuovi giacimenti petroliferi.

Tags: