Il Concorso fotografico dell’Atlante

War and Revolutionary Stories - sostenuto da Montura e Intersos -   è un'iniziativa  aperta a tutti i fotoreporter professionisti di ogni Paese che con il loro lavoro rendono visibili i  conflitti  mettendo in luce sia le cause sia le conseguenze della guerra

WARS – War and Revolutionary Stories – Prima edizione
Termine di presentazione delle foto: 10 luglio 2019
Annuncio del vincitore: 7 settembre 2019
Il vincitore riceverà un premio di € 4.000, fornito da Montura sport and outdoor equipment

WARS – War and Revolutionary Stories – è un concorso fotografico aperto a tutti i fotoreporter professionisti di ogni Paese, che con il loro lavoro rendono visibili gli attuali conflitti in tutto il mondo, mettendo in luce sia le cause che le conseguenze della guerra: le sue vittime, i profughi, i disastri umanitari e ambientali, le disparità nella distribuzione della ricchezza, e le negazioni dei diritti umani.
WARS è una creazione dell’Associazione “46 Parallelo”;
Montura è lo Sponsor principale
L’ Organizazzazione non governativa Intersos lo sponsor associato.

Dopo il processo di valutazione, il fotografo vincitore e i nomi dei due finalisti saranno pubblicati sul sito www.atlanteguerre.it la prima settimana di settembre. Il vincitore del primo posto riceverà un premio in denaro di 4.000 € dall’associazione “46 Parallelo” entro sessanta (60) giorni dall’annuncio.
I tre finalisti riceveranno cinque (5) copie dell ‘”Atlante di guerre e conflitti” e le foto selezionate saranno esposte in una mostra itinerante. I finalisti riceveranno un rimborso delle spese di viaggio, fino a un massimo di 300 € a persona.
La mostra WARS sarà ospitata a Trento durante la cerimonia di presentazione della nuova edizione dell ‘”Atlante delle guerre e dei conflitti”, a Ferrara durante il “Festival di Internazionale” e a Napoli durante il “Festival internazionale del cinema per i diritti umani”.

La giuria è composta da tre fotoreporter impegnati negli ultimi decenni a coprire le guerre e il loro impatto sulla popolazione civile:
Carol Guzy, fotoreporter americano premiato con la medaglia d’oro Robert Capa, e quattro volte vincitore del premio Pulitzer;
Manoocher Deghati, fotoreporter iraniano ed editore vincitore del premio Pulitzer con Associated Press;
Alessio Romenzi, fotoreporter italiano di World Press Photo.

Termine di presentazione delle foto:
10 luglio 2019
Annuncio del vincitore:
7 settembre 2019

Termini e condizioni
Le foto inviate devono essere una rappresentazione fedele della realtà e non devono essere pose, nè manipolate o alterate in alcun modo; i ritratti sono accettati, ma devono essere chiaramente indicati come tali nelle didascalie della foto (IPTC). Le fotografie devono essere inviate, tramite Picter, dal 23 maggio 2019 e non oltre il 10 luglio 2019.
Le foto ammesse possono essere digitali o analogiche. È consentita la post produzione di base, ma il significato non deve essere in alcun modo alterato attraverso i software di post produzione digitale. Le fotografie possono essere a colori o in bianco e nero, originali e inalterate (nessun fotomontaggio o alterazione sostanziale in post-produzione).
Per i termini e le condizioni complete, clicca qui

La foto è di Fabio Bucciarelli

Tags:

Ads

You May Also Like

Una festa, solo una festa

L'Adunata degli Alpini a Trento è stata un'occasione sprecata. In questa retorica da straccioni ci siamo dimenticati di pensare un solo momento dedicato a chi è stato ed è contro la guerra

di Raffaele Crocco* Ora che sta finendo, ora che stanno sfilando in tanti, tantissimi, ...

Benzina sul fuoco

Lunedi 14 maggio l'ambasciata Usa si sposta da Tel Aviv a Gerusalemme. Una mossa controversa e gravida di tensioni per l'intera regione

Con una mossa gravida di future tensioni, lunedi prossimo il presidente Donald Trump trasferirà ...

La Colombia in un vicolo cieco

Bachelet, Onu: "Identificare i responsabili delle morti". L'esercito nelle strade

“È essenziale che tutti coloro che sono coinvolti nelle lesioni o morti, compresi i ...