Maratona di Gaza, migliaia in corsa contro l’assedio

Nonostante la pioggia battente, circa 3.000 persone, soprattutto bambini, hanno partecipato oggi alla seconda Maratona internazionale di Gaza organizzata dall’Unrwa (United Nations Relief and Works Agency for Palestine Refugees in the Near East), l’Agenzia dell’Onu che si occupa dei rifugiati palestinesi. L’evento ha lo scopo di raccogliere fondi per finanziare  i Giochi Estivi che l’Unrwa organizza ogni anno per i bambini di Gaza. A vincere, anche quest’anno l’atleta olimpico palestinese Nader al Masri.
La Striscia di Gaza, lunga 42 km quanto il percorso di una regolare maratona, è abitata da poco più di 1,5 milioni di persone, 1,1 milioni sono rifugiati palestinesi, la metà ospitati negli otto campi profughi allestiti nella Striscia dall’Unrwa (Beach, Bureij, Deir El-Balah, Jabalia, Khan Younis, Maghazi, Nuseirat, Rafah), tra i più densamente popolati al mondo.
Il blocco imposto da Israele a partire dal 2007 ha trasformato di fatto la Striscia di Gaza in una grande prigione a cielo aperto. E’ Israele a detenere il controllo dello spazio aereo e marittimo, del passaggio di merci e persone in entrata e in uscita dalla Striscia attraverso il valico di Erez (a nord). Il valico di Rafah, alla frontiera con l’Egitto, non è adibito al traffico di merci ed è comunque fortemente limitato il libero passaggio delle persone. Alle imbarcazioni dei pescatori palestinesi è permesso l’accesso nella zona di mare compresa nelle 3 miglia nautiche dalla costa (gli accordi di Oslo avevano fissato il limite in 20 miglia ma Israele ha nel tempo ristretto l’area) e sono comunque molto frequenti gli attacchi da parte delle navi della marina israeliana.
L’Unrwa definisce “devastante” l’effetto del blocco sull’economia e sulla popolazione palestinese della Striscia, ridotta ormai ad una condizione di indigenza e di quasi totale dipendenza dagli aiuti internazionali. Particolarmente colpita la popolazione più giovane della Striscia.

Ads

You May Also Like

Violenza sulle donne. Il passo indietro di Varsavia

Il Governo polacco ha iniziato il procedimento di recesso dalla Convenzione di Istanbul, strumento internazionale vincolante sulle  violenze e  adottata dal Consiglio d’Europa nel 2011

“Siamo molto preoccupate per la decisione del Governo polacco di voler intraprendere il procedimento ...

Afghanistan: l’Aja non può indagare

I magistrati che devono  giudicare l’ammissibilità delle richieste di indagine del procuratore generale della Corte penale internazionale hanno respinto oggi all'unanimità la sua richiesta di procedere con un'indagine su presunti crimini  di guerra e contro l'umanità sul territorio afgano. Il peso del veto americano

La Camera preliminare della Corte penale internazionale (Cpi) – la corte che deve giudicare ...

L’Onu scarica Afghanistan e Myanmar

Dopo le decisione di settimana scorsa sono diverse le reazioni dei due Paesi. Il partito di Aung San Suu Kyi fa buon viso a cattivo gioco. I Talebani contestano il rinvio

Non è senza ricadute quanto è successo alcuni giorni fa alla Commissione Onu sulle ...