Mattanza in Mozambico

Oltre 50 persone sono state brutalmente decapitate  in un’esecuzione collettiva

Oltre 50 persone sono state brutalmente trucidate in Mozambico con un’esecuzione collettiva mentre si svolgeva una cerimonia rituale. E’ accaduto tra il 31 ottobre e il 4 novembre nel distretto di Muidumbe, 100 km a sudovest di Mocimboa da Praia. I terroristi – scrive il magazine online Africa Express – sono entrati nel villaggio “24 de Março” per ammazzare: “Dopo la strage – avvenuta per decapitazione – sono entrati in un villaggio vicino dove si teneva un’altra cerimonia di iniziazione. Anche lì hanno decapitato 24 bambini e sei anziani. La popolazione è però riuscita a catturare tre jihadisti che ha decapitato come avevano fatto con le loro vittime. Ma, per l’ennesima volta, i villaggi sono stati distrutti”.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

La notizia è stata data da Pinnacle News, la Rete di comunicazione comunitaria di Cabo Delgado. Sotto accusa ci sono gruppi jihdisti e, secondo la popolazione, l’obiettivo era una vendetta: ossia la decapitazione di 270 persone, il numero di terroristi uccisi nello stesso distretto. Il ministro mozambicano degli Interni, Amade Miquidade, ha infatti confermato che tra il 26 e il 29 ottobre sono stati uccisi 130 insorti. Gli al Shebab, così vengono chiamati dalla popolazione, dal 15 agosto hanno ancora il controllo di Mocimboa da Praia. Hanno anche occupato il porto e dell’aeroporto della città che le Forze governative non riescono a liberare.

La violenza non e’ un episodio a Capo Delgado: i combattimenti a Cabo Delgado – ricorda oggi Al Jazeera – hanno ucciso 2.283 persone da quando sono iniziati più di tre anni fa e 355mila persone sono state costrette a lasciare le loro case, secondo  l’Ufficio delle Nazioni Unite per il coordinamento degli affari umanitari (OCHA). I gruppi di difesa dei diritti umani affermano che i combattenti di Cabo Delgado hanno un terribile bilancio: esecuzioni sommarie, decapitazioni, incursioni nei villaggi, saccheggi e distruzione di infrastrutture, comprese scuole e strutture mediche. Anche le forze governative sono sotto accusa:  implicate in gravi violazioni dei diritti umani durante operazioni nella provincia, inclusi arresti arbitrari, torture, uso illecito della forza contro civili ed esecuzioni extragiudiziali.

In copertina una mappa della zona (google maps).

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

Camerun, fine di un’era?

Vacilla il posto del presidente Paul Biya mentre il Paese è allo sbando tra le violenze di Boko Haram, del movimento separatista anglofono e dell'esercito

di Alice Pistolesi Sembra finita l’era di Paul Biya: 85 anni di cui 36 ...

Il Concorso fotografico dell’Atlante

War and Revolutionary Stories - sostenuto da Montura e Intersos -   è un'iniziativa  aperta a tutti i fotoreporter professionisti: pochi giorni alla chiusura del bando il 10 luglio per presentare il proprio lavoro

WARS – War and Revolutionary Stories – Prima edizione Termine di presentazione delle foto: ...

Italia in missione: dove e perché

L'attentato ad un auto di militari in Somalia riaccende i riflettori sulle presenza di soldati dell'Italia nel mondo. Una panoramica nel prossimo dossier

Un attacco kamikaze contro i militari italiani a Mogadiscio in Somalia ha provocato quattro ...