Yemen, la guerra non va in quarantena

Una ventina di raid aerei della coalizione a guida saudita colpiscono la capitale Sanaa

Il Covid-19 non ferma i conflitti armati. Lunedi la coalizione a guida saudita in guerra con le forze  ribelli Houthi nello Yemen ha compiuto una serie di attacchi aerei nella  capitale Sanaa, il primo di questi raid sulla  città da mesi. Ne ha dato notizia la tv filo Houti Al Masirah. Al momento non si ha invece notizia di vittime. I raid sarebbero stati la risposta a un attacco aereo  Houthi con due missili verso l’Arabia saudita nei giorni scorsi in coincidenza con il quinto anniversario dell’intervento del regno  nella guerra civile dello Yemen. La notizia è stata confermata dal corrispondente di  Al Jazeera secondo cui si sarebbero verificati circa 25 attacchi aerei sulla capitale.

La diplomazia è nell’impasse e domenica, l’inviato dell’Onu nello Yemen Martin Griffiths (nella foto a destra), ha ribadito la richiesta di un’immediata cessazione delle ostilità,  un cessate il fuoco a livello nazionale in una situazione complicata dall’emergenza pandemica coronavirus. Il suo appello, reiterato più volte, è rimasto però evidentemente inascoltato da entrambe le parti in conflitto.

#NoiRestiamoaCasa

(Red/Est)

Vai alla nostra scheda conflitto

Nella foto di copertina, caccia F 15C sauditi in volo 

Tags:

Ads

You May Also Like

Rca, votazioni senza scontri

Il secondo turno delle elezioni parlamentari si è svolto in sicurezza dopo le violenze di inizio anno, mentre aumentano i caschi blu della Minusca

Ong nel Mediterraneo, le ombre della procura

Non c’è reato di favoreggiamento all’immigrazione clandestina per gli scafisti. Fa discutere e getta ...

Il contagio della svolta autoritaria

Il  pretesto della pandemia mette in pericolo la democrazia in molti Paesi.  E in Europa il modello è guidato dall'Ungheria di Viktor Orban che agisce quasi indisturbato

di Maurizio Sacchi e Salvo Secondini Adottando misure dichiarate “di emergenza”  per affrontare il ...