Arrivano i dossier, il viaggio continua

di Raffaele Crocco

E’ la terza mossa, quella che mancava. L’uscita dei dossier sul nostro sito è la terza parte del progetto di rilancio che – grazie all’appoggio di Acav – avevamo immaginato qualche tempo fa.

E’ un passaggio fondamentale, questo. Ci consente di essere ancora più coerenti. Ci permette di tenere alta l’asticella della riflessione su ciò che accade nel mondo. Il progetto dell’atlante delle Guerre e dei Conflitti nel Mondo, nel suo insieme, è nato proprio per creare spazi di approfondimento e riflessione. Non inseguiamo la cronaca – intesa come rincorsa della notizia – ma cerchiamo le ragioni degli eventi, proviamo a individuare le cause, immaginando ciò che avviene come “effetto”.

In questa chiave, dopo la rifondazione del sito – con la nuova veste grafica e editoriale – e il lancio di Caravan – il periodico radiofonico – creare i dossier  è l’elemento determinante. Lì, ogni settimana, chi vorrà troverà materiale sui grandi fenomeni mondiali. Parleremo di conflitti ambientali, di uso delle risorse, di accaparramento della terra, di commercio e investimenti. Metteremo insieme gli elementi utili per capire cosa accade e decidere che fare. L’ambizione è diventare uno strumento utile a chi intende muoversi con progetti di aiuto, economici, politici. Insomma, questi dossier vogliono dimostrarsi utili, concreti e profondi. Vogliamo troppo?  Probabile, ma provarci ci sembra inevitabile.

Tags:

Ads

You May Also Like

Terzo Mondo, tra aiuti gonfiati e budget oscuri

di Andrea Tomasi Quanti soldi vengono spediti realmente nei Paesi più poveri del mondo, ...

Sri Lanka: quattro scenari per una strage

Il governo di Colombo  punta l’indice sull’estremismo islamico mentre continua a salire il bilancio delle vittime della Pasqua di sangue. Lutto nazionale e stato di emergenza

di Emanuele Giordana Il governo dello Sri Lanka punta l’indice sull’estremismo islamico mentre continua a ...

Armi italiane, export senza crisi

Nella Relazione al Parlamento prevista dalla legge 185/90: la vendita del comparto militar-industriale del Belpaese si attesta su 5,2 miliardi di euro di autorizzazioni e 2,5 mld di trasferimenti definitivi nel 2018. Oltre il 70% delle licenze singole finisce a Stati non EU e non NATO. L'analisi di Rete Disarmo e un commento di Opal

  Oltre il 70% delle licenze singole italiane per la vendita di armi finisce ...