Dalle mine antiuomo…nascono gioielli

Da uno strumento di morte e distruzione nasce qualcosa di bello. Le mine antiuomo cambogiane, sono infatti le protagoniste dell’attività di una coppia di Vicenza, Igino Brian e Lucia Bruni e della loro associazione Ida Onlus.

Nel laboratorio di oreficeria fondato a Phnom Penh, capitale camboginana, dalla coppia nascono quini anelli, braccialetti e orecchini.  Il progetto insegna ai ragazzi di strada orfani la lavorazione di metalli leggeri come l’argento e l’ottone ricavato dalle mine esplose.

Il progetto “Dalle mine gioielli di speranza”  consente agli studenti della scuola, nell’ambito dello svolgimento delle attività previste dal programma didattico di continuare a realizzare piccoli prodotti di bigiotteria e di incrementare l’offerta formativa nei confronti degli stessi studenti.

L’obiettivo della Ida Onlus, è quello di rendere autonomi i ragazzi, insegnando loro un mestiere.

Per questo nel 2009 è nata la cooperativa The Future. Il primo obbiettivo è stato la realizzazione di un programma di sviluppo del settore “Argenteria” nell’ambito dell’attuazione del processo di crescita economica del Paese, in particolare a livello di artigianato e della piccola e media impresa. Il progetto vede il coinvolgimento del Ministero degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Cambogiano, del Ministero del Lavoro e della Formazione Professionale Cambogiano (Dipartimento della Tecnica e della Formazione Professionale) e della Fileo Cambogia Onlus. L’attività di Idaonlus non è comunque limitata alla Cambogia e in Italia sono molte le iniziative di solidarietà che organizza con il popolo cambogiano.

La Cambogia è stata una dei teatri di guerra più cruenti.  I bombardamenti americani durante la guerra del Vietnam provocarono circa 600mila morti, e gli orrori del regime dei Khmer Rossi che dal 1975 al 1979 lasciarono sul campo dai due ai tre milioni di morti. Il conflitto si è concluso definitivamente nel 1991.

www.idaonlus.org

Tags:

Ads

You May Also Like

Migranti e terrorismo: pericolo stato di polizia

di Ilario Pedrini Prendere le impronte digitali anche ai richiedenti asilo dai sei anni ...

L’ombra dei militari sulla presidenza birmana

In Myanmar si dimette il presidente, uomo vicino ad Aung San Suu Kyi. L'interim va per ora a un vicepresidente che ha il grado di generale

Redazione Il settantaduenne U Htin Kyaw, il primo capo dello Stato civile dopo la ...

Dietro l’attacco di Nairobi

Il gruppo al-Shabab ha ucciso almeno 300 persone in Kenya negli ultimi cinque anni. Le rivendicazioni e i motivi degli assalti e dell'ultima strage

Aria tesa a Nairobi. Dopo l’attacco bomba all’hotel di lusso Dusit D2 di mercoledì ...