Dove ti metto il nomade

Prima indagine istituzionale dell’Istat di censimento degli insediamenti Rom, Sinti e Caminanti autorizzati e spontanei in Italia, svolta tra maggio e novembre 2014. Gli insediamenti censiti nella ricerca – si legge su Regioni.it – sono soprattutto presenti al nordovest e al centro (quasi il 60%), concentrati, per oltre il 72%, in 5 regioni: Lombardia, Emilia Romagna, Lazio, Piemonte e Toscana. È stata fatta una “fotografia” del sistema di accoglienza e gestione dei cosiddetti nomadi. Si parla di servizi precari negli insediamenti: per il 25,9% manca l’acqua corrente, il 31,3% non ha servizi igienici e il 48,3% è privo di fognature, il 28,5% di energia elettrica. «Il 72% dei 516 insediamenti censiti (29.435 le persone che vi vivono) si concentra in 5 regioni: Lombardia (88), Emilia Romagna (88), Lazio (79), Piemonte (65) e Toscana (52). Nei 71 insediamenti di Roma si registrano 6.559 presenze, nei 9 di Torino 2.279. La metà dei campi è presente da più di 10 anni. I più longevi sono in Lombardia (il 22,2% ha più di 20 anni, il 23,2% ha 11-20 anni) e in Emilia Romagna (il 19,6% ha 11-20 anni).A questo si aggiunge che il 28,5% non dispone di energia elettrica, il 33,5% di raccolta rifiuti. Mancano collegamenti con mezzi pubblici (44,4% dei casi), infrastrutture (81,8%) e strade asfaltate (28%)». Ma dove vengono collocati i campi nomadi: il 18,8% è situato vicino a discariche.  Per dettagli: www.regioni.it/newsletter/n-3095/del-06-02-2017/istat-campi-nomadi-in-italia-16197/

Tags:

Ads

You May Also Like

Stato di emergenza in Sudan

Dopo mesi di scontri e proteste il Presidente Omar al Bashir ha sciolto il governo, ma l'opposizione promette di continuare a pretendere le sue dimissioni

E’ stato di emergenza in Sudan. Dopo mesi di dure proteste che chiedevano le sue ...

La spirale che attanaglia il Mali

Le violenze in Mali continuano. Dieci  caschi blu sono rimasti uccisi in un attacco al campo base di Aguelhok. Mentre 800 scuole in tutto il Paese sono state  chiuse

di Elia Gerola. Come riportato da un comunicato ONU, nella prima mattinata di domenica ...

Kosovo, grazie agli Usa sale ancora la tensione

L'ambasciatrice Usa all'Onu, Nikki Halley,  chiede la fine della missione Unmik, ma la mossa potrebbe crearenuovi problemi nei Balcani

di Raffaele Crocco Pace sempre poca, da quelle parti. E il carico nelle ultime ...