“Ucraina. Pace ora!”. Oggi a Madrid

Un incontro in Spagna e un manifesto: “Chiediamo un cessate il fuoco immediato e sosteniamo i negoziati"

Podemos chiama a raccolta gli “eco-socialisti” e gli intellettuali sostenitori della democrazia diretta organizzando una conferenza internazionale a Madrid oggi venerdì 22 aprile e lanciando un manifesto dal titolo “Ucraina: Pace ora!”. La premessa del manifesto è chiara: “Gli effetti dell’invasione russa dell’Ucraina sono stati devastanti: morte, distruzione e milioni di persone costrette a fuggire dalle proprie case. Con l’intensificarsi della guerra, cresce il rischio di annientamento nucleare. Le conseguenze sociali ed economiche di questa guerra si fanno già sentire in Ucraina, in Russia e nel mondo intero.”

“Chiediamo un cessate il fuoco immediato e sosteniamo i negoziati per una pace piena e duratura” – prosegue il documento. “Le Nazioni Unite e gli altri organismi internazionali competenti devono essere pronti a garantire qualsiasi accordo. Il presidente Zelensky ha delineato le due condizioni più essenziali per la pace: le truppe russe d’invasione devono ritirarsi dall’Ucraina e l’Ucraina deve diventare un paese neutrale. Esortiamo i governi e i media a mettere da parte ogni linguaggio bellicoso e a promuovere e rafforzare il dialogo su questa base. L’escalation porterà solo a ulteriori spargimenti di sangue, sfollamenti e danni economici inflitti a persone innocenti”. Il manifesto chiede anche “la protezione di tutti i civili che fuggono o rimangono nelle loro case, l’evacuazione attraverso i corridoi umanitari e la garanzia di cibo e cure mediche” e propone l’eliminazione del debito dell’Ucraina come una misura fondamentale per sostenere la sua ricostruzione… (continua: leggi tutto su Pressenza)

Per leggere e firmare il manifesto e leggere chi ha già aderito clicca qui

Foto di copertina: Milano contro la guerra di  Andrea Mancuso

Tags:

Ads

You May Also Like

Filippine/Europa. La Ue contro Duterte

Ma l'ipotesi di un'indagine indipendente sulle malefatte del presidente asiatico si allontana

Il 17 settembre il Parlamento europeo ha  “condannato fermamente” le violazioni dei diritti umani ...

La crescente presenza della Russia e di Wagner in Africa

Diamanti, oro e sangue. I dossier Mali e Repubblica Centroafricana e le indagini delle Nazioni Unite

di Maurizio Sacchi Il 15 maggio è stata annunciata la decisione del Governo guidato ...

Indonesia: la scommessa della nuova capitale

La vecchia Ibukota è arrivata al punto di non ritorno. E il presidente Jokowi ha ricevuto in gennaio  il via libera dal Parlamento per investire in una città futuribile: Nusantara nel cuore del  Kalimantan. Storia di Sunda Kelapa, un piccolo porto strategico diventato una megalopoli

di Emanuele Giordana Abitanti di un arcipelago di 17mila isole che si estende per ...