“Ucraina. Pace ora!”. Oggi a Madrid

Un incontro in Spagna e un manifesto: “Chiediamo un cessate il fuoco immediato e sosteniamo i negoziati"

Podemos chiama a raccolta gli “eco-socialisti” e gli intellettuali sostenitori della democrazia diretta organizzando una conferenza internazionale a Madrid oggi venerdì 22 aprile e lanciando un manifesto dal titolo “Ucraina: Pace ora!”. La premessa del manifesto è chiara: “Gli effetti dell’invasione russa dell’Ucraina sono stati devastanti: morte, distruzione e milioni di persone costrette a fuggire dalle proprie case. Con l’intensificarsi della guerra, cresce il rischio di annientamento nucleare. Le conseguenze sociali ed economiche di questa guerra si fanno già sentire in Ucraina, in Russia e nel mondo intero.”

“Chiediamo un cessate il fuoco immediato e sosteniamo i negoziati per una pace piena e duratura” – prosegue il documento. “Le Nazioni Unite e gli altri organismi internazionali competenti devono essere pronti a garantire qualsiasi accordo. Il presidente Zelensky ha delineato le due condizioni più essenziali per la pace: le truppe russe d’invasione devono ritirarsi dall’Ucraina e l’Ucraina deve diventare un paese neutrale. Esortiamo i governi e i media a mettere da parte ogni linguaggio bellicoso e a promuovere e rafforzare il dialogo su questa base. L’escalation porterà solo a ulteriori spargimenti di sangue, sfollamenti e danni economici inflitti a persone innocenti”. Il manifesto chiede anche “la protezione di tutti i civili che fuggono o rimangono nelle loro case, l’evacuazione attraverso i corridoi umanitari e la garanzia di cibo e cure mediche” e propone l’eliminazione del debito dell’Ucraina come una misura fondamentale per sostenere la sua ricostruzione… (continua: leggi tutto su Pressenza)

Per leggere e firmare il manifesto e leggere chi ha già aderito clicca qui

Foto di copertina: Milano contro la guerra di  Andrea Mancuso

Tags:

Ads

You May Also Like

Afghanistan: Il Consiglio di Sicurezza estende di un anno il mandato della missione ONU

Il Consiglio di Sicurezza delle Nazioni Unite ha deciso di prolungare di un anno ...

Povertà, la classifica e qualche perché

di Tommaso Andreatta Il Centrafrica si è guadagnato la posizione di coda (188° posto) ...

Ucraina, poco negoziato, molte armi e soldati

La Gran Bretagna fornisce  all'Ucraina missili anticarro a corto raggio e uomini. Si muove anche il Canada. Stallo nei colloqui

Mentre il segretario del Consiglio di sicurezza della Bielorussia, Alexander Volfovich, ha dichiarato lunedì ...