Brixia+: ignorare non basta più

Serve a poco far finta di non vedere come si stanno trasformando i Brics. Con al timone la Cina e una Russia tutt'altro che isolata

di Raffaele Crocco

C’è qualcosa di pericoloso nel modo che abbiamo, ancora una volta, di snobbare la notizia. E’ pericoloso, perché l’organizzazione informale che sta crescendo rappresenterà il 43% degli abitanti del Pianeta e il 25%v del prodotto Interno Lordo. Brixia, questo il possibile nome, con Iran e Argentina che siederanno allo stesso tavolo di Brasile, Russia, Cina India e Sudafrica, quello che sino ad oggi abbiamo chiamato Brics (vedi qui l’articolo di M. Sacchi sull’ingresso possibile anche di Turchia, Egitto, Arabia saudita).

Sono gli Stati ad economia emergente – nel caso della Cina dovremmo dire “economia dominante” – che si contrappongono al vecchio e ormai superato G7 delle autoproclamate “potenze mondiali”: Usa, Gran Bretagna, Germania, Francia, Giappone, Italia e Canada. Il futuro Brixia si è riunito nei medesimi giorni di luglio del 2022 in cui si trovavano i leader di G7 prima e – non casualmente – Nato dopo. Sullo sfondo delle due riunioni c’era lo stesso tavolo da gioco: la povera Ucraina invasa dalla Russia, perfetto luogo di confronto dove misurare la forza delle due compagini.

Mentre Biden e compagni discutevano di come far fronte alla crisi energetica legata alle forniture di gas e petrolio russo, a quella alimentare per il grano e a quella economica generale che si profila all’orizzonte, il presidente cinese Xi Jinping proponeva agli Stati del Brics di far crescere la loro collaborazione economica e commerciale, di preparare un “paniere valutario” alternativo al dollaro negli scambi internazionali e di confermare il legame con la Russia in questo momento così difficile per Mosca. Tutto questo giusto per chiarire che chi racconta che Mosca è isolata a livello Planetario forse sbaglia.

L’asse del Pianeta si sta spostando. Lo sapevamo, ma il Brics che diventerà Brixia ce lo conferma. Con l’Argentina ad affiancare il Brasile nel club, l’America Latina cesserà di fatto di essere il “giardino di casa” degli Stati Uniti, con molti altri Paesi dell’area che potrebbero essere attratti da Brasilia e Buenos Aires. Nel Vicino Oriente, l’Iran potrebbe trasformarsi a sua volta in una “grande attrattore”, forte della propria posizione geografica, delle risorse naturali e della propria storia. Come reagiranno a tutto questo gli Stati Uniti?

Washington appare sempre più come la “potenza in ripiegamento”. Sta perdendo il controllo dei mari, sconfitta sia dalla Cina, che nel Pacifico rialza la testa e si riarma, sia dal clima. Lo scioglimento dei ghiacci sta dando forza alla Rotta Artica, che consentirà di passare a Nord, risparmiando il 40% di tempo e denaro nel trasporto di merci via mare. Quella rotta – interamente o quasi controllata dalla Russia – renderà vecchio, inutile e costoso per molti Paesi il canale di Panama, fulcro della potenza navale statunitense. Avere creato Aukus, la nuova alleanza politico militare del pacifico, con Australe e Gran Bretagna, potrebbe non bastare.

Il carico, poi, l’ha giocato Pechino, annunciando appunto la nascita di un “paniere valutario” alternativo al dollaro. Da Basilea, la banca centrale delle banche centrali del Mondo – si chiama Banca per i regolamenti Internazionali – ha dato il via libera a una facility sulla liquidità in renminbi, la valuta della Repubblica Popolare Cinese. Funzionerà soprattutto nei Paesi Asiatici, ma la novità è che operazioni di questo tipo, prima d’ora, erano ammesse solo in dollari.

Una presa d’atto, che mortifica ancora una volta Washington. Soprattutto, una decisione che fotografa la realtà planetaria che continuiamo a far finta di non vedere. Gli equilibri stanno rapidamente cambiando e continuare a giocare la partita pensando di avere in mano le carte migliori potrebbe rivelarsi fatale. Soprattutto perché nessun giocatore in campo – vecchio o nuovo che sia – sembra preoccuparsi davvero dei protagonisti del gioco. Cioè di quei quasi 8 miliardi di esseri umani che vivono delle briciole di ricchezza gettate sul pavimento, illudendosi – quando li conoscono – che i Diritti Umani diventino un giorno il vero patrimonio condiviso di tutti.

In copertina schermata dal sito ufficiale dei Brics

Tags:

Ads

You May Also Like

Rapporto Cesvi: il mondo ha sempre piu’ fame

Il Cesvi (Centro Cooperazione e Sviluppo), come ogni anno, pubblica il Rapporto sull’Indice Globale ...

La crociata di Donald Trump

Il presidente americano ha un tratto distintivo: odia il mondo multipolare

di Raffaele Crocco Ho l’immagine di una spiaggia. Una classica spiaggia degli anni Sessanta. ...

Russia e Turchia si giocano la Siria

In un incontro a Sochi Putin e Erdogan disegnano la mappa del Vicino Oriente: alcuni scenari

di Maurizio Sacchi Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan si è recato il 5 agosto ...