Siria, appuntamento al buio

Il presidente turco Erdogan incontrerà il 5 marzo i leader di Russia, Francia e Germania. Ma un accordo appare per ora difficile

Il presidente turco Recep Tayyip Erdogan  incontrerà in marzo  i leader di Russia, Francia e Germania per discutere della situazione nel nord-ovest della Siria, dove una spinta militare da parte delle forze governative appoggiate da Mosca contro l’ultima enclave tenuta dall’opposizione ha creato una colonna di profughi di  quasi un milione persone. Erdogan non ha specificato dove si terrà  l’incontro fissato il 5 marzo. Ha aggiunto, tuttavia, che la Turchia ha una  tabella di marcia per la Siria e che ha parlato  venerdì con il presidente russo Vladimir Putin, la cancelliera tedesca Angela Merkel e il presidente francese Emmanuel Macron.

Intanto un altro  soldato turco è stato ucciso nella regione di Idlib in  in un attentato dinamitardo da parte di forze governative appoggiate dalla Russia: è la sedicesima vittima militare della Turchia. Il crescente bilancio delle vittime militari turche, tra cui due giovedì, potrebbe – scrive il Jerusalem Post – complicare un possibile accordo per fermare il picco di combattimenti nel nord-ovest della Siria iniziati con forza in dicembre.

(Red/Est)

Fotonotizie è una sezione di atlanteguerre che dà conto di emergenze in sviluppo

Tags:

Ads

You May Also Like

Nucleare: la lista nera di chi lo produce

Armamenti. Un rapporto di  International Campaign to Abolish Nuclear Weapons e Pax

ICAN e la sua organizzazione partner Pax hanno pubblicato un rapporto con i profili ...

Miliardi di armi dall’Italia all’Egitto

Due fregate, ma anche altre quattro navi e 20 pattugliatori, 24 caccia multiruolo Eurofighter e altrettanti aerei addestratori M346 per il maggiore contratto mai firmato dal dopoguerra

Myanmar: un buco nella giustizia e un muro per riempirlo

La magistratura birmana rigetta il ricorso in appello dei due giornalisti condannati per aver indagato su una strage dell'esercito a danno della minoranza rohingya. E al confine col Bangladesh nasce uno sbarramento

dal nostro inviato Emanuele Giordana Bangkok – Mentre il governo birmano dà il via ...