Cacciati dalla guerra

Oltre 70 milioni di persone  sono state sfollate in tutto il mondo l'anno scorso da conflitti, persecuzioni e violenze. La denuncia dell'Unhcr alla vigilia del  World Refugee Day

                                                         Alla vigilia del World Refugee Day il 20 giugno l’agenzia per i rifugiati delle Nazioni Unite (Unhcr) chiede al mondo di raddoppiare il suo sforzo di solidarietà di fronte a circa 71 milioni di persone che sono state cacciate via in tutto il mondo l’anno scorso dai luoghi dove vivevano da guerra, persecuzioni e altre violenze. E’ un aumento di oltre 2 milioni dal 2017 e il livello più alto visto in quasi 70 anni. Il rapporto annuale sulle tendenze globali pubblicato dall’Alto commissario  ha contato il numero di rifugiati, richiedenti asilo e sfollati interni alla fine del 2018, compresi, in alcuni casi, persone che hanno vissuto per decenni lontano dai loro le case. I dati più elevati vengono dalla Siria  (6,7 milioni), seguita dall’Afghanistan (2,7 milioni).

L’immagine di copertina è tratta dal video diffuso dall’Unhcr

Tags:

Ads

You May Also Like

Le strade di Dacca

Da più di una settimana la protesta degli studenti nella capitale del Bangladesh. Governo e polizia rispondono con l'uso della forza. E di squadracce di partito

Da oltre una settimana la cronaca quotidiana di Dacca, capitale del Bangladesh, è attraversata ...

West Bank e Gaza, la crisi è anche umanitaria

     di Federica Ramacci   Secondo gli ultimi dati della Nazioni Unite, nella ...

Proteste per il nuovo premier armeno

Tra le proteste il parlamento armeno ha eletto l’ex presidente della Repubblica Serzh Sargsyan ...