G20, il successo di Narendra Modi

Summit di Delhi. L'India può mettere a bilancio un risultato in equilibrio tra diverse posizioni sulla guerra ucraina. Poco per l'ambiente. Molto per Stati Uniti e Unione Africana

di Emanuele Giordana

Tutto si potrà dire di Narendra Modi ma non che non abbia saputo fare del G20 in India un piccolo capolavoro diplomatico che ha restituito al mondo, come il Premier indiano desiderava, l’immagine di una nazione che siede a buon diritto nei primi posti della platea mondiale. Una nazione in grado di aprire le porte al “Global South”, la fetta di pianeta esclusa dai grandi vertici che ora – nella visione di Modi – ha nell’India l’avvocato dei suoi diritti.

Al netto degli equilibrismi lessicali della Dichiarazione finale, dell’assenza di Xi Jinping, delle difficoltà di un futuro gravato dalle ombre del conflitto in Europa e della nuova guerra fredda nell’Indo Pacifico, Modi non è solo stato in grado di portare a casa una dichiarazione congiunta già al primo giorno del summit, ma ha giocato un asso sin dalle prime ore di ieri: invitando l’Africa ad aggiungersi al tavolo dei grandi, offrendo all’Unione Africana lo status di membro permanente nella persona del Presidente comoriano Azali Assoumani in rappresentanza di 55 Paesi. Secondo gruppo multinazionale del G20 con l’Unione Europea.

La Dichiarazione finale è un buon equilibrio diplomatico che sulla guerra ucraina dice tutto e niente, ma c’è: si rifà al G20 di Bali dell’anno prima (dove la firma fu sofferta fino all’ultimo) e all’Onu «per agire in modo coerente con gli scopi e i principi della Carta delle Nazioni Unite». Nel testo si dice che gli Stati devono astenersi dalla minaccia o dall’uso della forza e del nucleare per cercare di acquisire territori violando l’integrità territoriale e la sovranità o l’indipendenza politica di qualsiasi Paese ma dice anche che sulla crisi ucraina «ci sono state opinioni e valutazioni diverse». La stessa formula di Bali che però condannò l’aggressione. Si lodano gli sforzi di Turchia e Onu per gli accordi con Mosca sul grano e si dice che risoluzione pacifica dei conflitti, diplomazia e dialogo sono fondamentali ma, nelle 29 pagine del testo, il termine “invasione” non compare mai e la Russia, menzionata più volte, non compare mai come “invasore”.

E’ un equilibrismo che accontenta tutti e non scontenta nessuno (tranne gli Ucraini che lo hanno subito criticato) e che, soprattutto, è stato negoziato a tempo di record. Non c’è nulla sul contenzioso nel Mar Cinese meridionale. Anche qui nessuno scontento. Quanto ai cinesi, Modi porta però a casa il risultato di non aver dovuto sorridere a Xi Jinping cosa che gli ha invece permesso di fare gli occhi dolci a Joe Biden. Ricambiato.

Il Presidente americano  dal canto suo porta a casa una sorta di Via della Seta alternativa al progetto cinese della Bealt and Road Initiaitve (Bri). Presentato alla vigilia del vertice, si tratta di un accordo tra Stati Uniti, Ue e altri partner mediorientali per un ampio progetto ferroviario e marittimo che collegherà l’Europa al Medio Oriente e all’India. C’è un bel dire che non sia alternativo alla Bri, come gli Americani han voluto sottolineare: ricalca il percorso Asia-Europa un po’ più a Sud. Sulla Bri c’è anche un incontro tra la Premier italiana Meloni e il suo omologo Li Quang. L’adesione alla Via della Seta (un Memorandum voluto dai cinesi e siglato col Governo Conte nel 2019) si trasforma in “parternariato strategico”. L’ambiente? Poco. Impegno a triplicare le energie rinnovabili ma la Dichiarazione non contiene alcun impegno per eliminare i combustibili fossili.

Tags:

Ads

You May Also Like

La premiazione di WARS a Ferrara

Al Festival di Internazionale i vincitori del concorso fotogiornalistico dell'Atlante e un'anticipazione della mostra

Oltre cento reportage da 36 paesi diversi e 5 continenti per la prima di ...

La ritirata russa. Il punto

L'aggiornamento settimanale sulla guerra ucraina dopo oltre 250 giorni dall'invasione di febbraio

di Raffaele Crocco Era nell’aria la ritirata: i russi stanno abbandonando Kherson, per attestarsi ...

L’emergenza siriana in numeri

Nel pieno del conflitto, dopo gli attacchi americani, arriva il rapporto dell'agenzia Onu sugli aiuti umanitari. Ecco una sintesi del dramma che si è consumato anche prima dell'utilizzo delle armi chimiche da parte del governo di Assad

di Ilario Pedrini Mentre i telegiornali parlano (poco) di cosa sta accadendo esattamente in ...