Gaza, gli ostaggi e la via tailandese

Successo per la trattativa separata di Bangkok che ha portato a casa dieci lavoratori thai

Emanuele Giordana

Col rilascio di 39 tra donne e minori palestinesi imprigionati da Israele e, a Gaza, di 24 ostaggi – 13 israeliani e 11 asiatici –, si è chiuso ieri il primo dei 4 giorni di tregua che ha anche permesso l’ingresso di 137 camion umanitari.  “La liberazione degli ostaggi a Gaza è solo l’inizio – ha detto un soddisfatto Joe Biden ieri – Ci aspettiamo che altri siano rilasciati domani e dopodomani”. Per la liberazione degli ostaggi ci sono state due vie negoziali. Ci occupiamo qui di quella che ha portato in libertà di 10 tailandesi, consegnati per primi da Hamas alla Croce Rossa (Icrc) per essere evacuati in Egitto. E tutto si potrà dire del neo premier thai Srettha Thavisin ma non che non abbia saputo gestire la crisi degli ostaggi del suo Paese. Ne ha per ora recuperati un terzo dei 20 ancora in mano ad Hamas. Tra gli ostaggi liberati ieri anche un filippino.

La notizia della liberazione è arrivata verso le 3 del pomeriggio ora italiana quando le agenzie hanno iniziato battere la notizia, resa subito pubblica dal premier su Facebook. Prima il silenzio. Si potrebbe dire che la consegna, quantomeno negli ultimi 15 giorni, sia stata in Thailandia quella del silenzio mentre, evidentemente, la strategia separata messa in campo da Bangkok, il primo Paese a quanto sappiamo a trattare direttamente con Hamas, cominciava a germogliare. Fino a ieri appunto, quando una delle comunità più grosse di stranieri tra gli ostaggi ha potuto mettere a segno la vittoria di vederne tornare a casa quasi la metà. Tra i prigionieri asiatici ve ne sarebbero anche di nazionalità cinese, nepalese e srilankese. I numeri effettivi degli ostaggi e le nazionalità restano però ancora incerti.

Fino a ieri un greve silenzio ha circondato la vicenda degli ostaggi tailandesi e fino all’ultimo il portavoce del ministero degli Esteri thai aveva detto di non poter confermare alcun rilascio anche se qualche segnale si poteva forse cogliere. Come la presenza a Bangkok del viceministro degli Esteri iraniano Ali Bagheri Kani, in visita ufficiale nella capitale tailandese. La diplomazia tailandese si era infatti mossa proprio da Teheran, con la visita a fine ottobre di una delegazione che includeva, non a caso, anche un capo spirituale sciita del Sud della Thailandia (dove ci sono tre province a maggioranza musulmana sunnita). Proprio nella capitale iraniana la missione aveva incontrato i responsabili di Hamas per negoziare il rilascio. Da quel momento non si è più saputo nulla ma quella trattativa bilaterale stava dando i suoi frutti. Accompagnata dai ripetuti accenni della diplomazia thai al fatto che Bangkok ha riconosciuto lo Stato palestinese nel 2012 e respinto la decisione di sostenere Gerusalemme capitale nel 2017.

Tra quelli ancora in ostaggio, i tailandesi sarebbero almeno 20 mentre sarebbero 39 i lavoratori thai morti nell’incursione di Hamas del 7 ottobre. Facevano parte di una delle maggiori comunità straniere in Israele, poco meno di 30mila persone, il 90% della forza lavoro straniera nel settore agricolo israeliano, come ha ricordato Kavi Chongkittavorn, un giornalista – opinionista del Bangkok Post – secondo cui il governo dovrebbe rivedere quote e modalità dell’immigrazione thai. Kavi, che ha smentito come «fake» la presenza di un mercenario tailandese nelle forze di difesa israeliane, ritiene che serva un nuovo impegno di tutela visto che i lavoratori siamesi rischiano di essere visti come «complici di Israele», senza contare la storica vicinanza tra Bangkok e Washington, padrino numero uno di Tel Aviv.

Molti thai han già fatto ritorno in patria e con una discreta velocità, ma 18mila fra loro hanno detto di voler restare: guadagnano infatti una media di oltre 2mila euro al mese, sei o sette volte di più di quanto realizzano a casa: una bella cifra, una volta ripagati agenti e intermediari. Il governo tailandese ha evacuato in un mese più di 8mila lavoratori che volevano lasciare il Paese mentre Israele ha fatto sapere che altri 5mila sono stati riportati in zone più sicure dalle aree vicine al confine di Gaza. Circa il 75% delle verdure israeliane vengono infatti coltivate nel Sud, vicino alla Striscia dove infuria la guerra, e diverse centinaia di thai si troverebbero ancora in “zona rossa”.

In copertina una veduta di Bangkok (foto atlanteguerre)

Tags:

Ads

You May Also Like

Cisgiordania, la sofferenza dei palestinesi oltre Gaza

Artisti uccisi, giornalisti messi a tacere, biblioteche e moschee distrutte. Cosa resterà per tenere insieme i sopravvissuti?

La portata e il puro orrore della guerra a Gaza hanno giustamente catturato l’attenzione ...

Golpe a Bamako

I militari maliani hanno arrestato ieri il Presidente ad interim e membri dell'esecutivo

Dietro l’assassinio di Soleimani

Perchè Trump ha ordinato l'uccisione di Soleimani? Oltre all'imminente espulsione delle forze militari di stanza in Irak, è una guerra aperta tra Iran e Usa probabile?

di Elia Gerola. La morte del generale iraniano Qasem Soleimani, avvenuta per ordine diretto ...