Catalogna: uno Tsunami in piazza

Continuano le manifestazioni e gli scontri  dopo le condanne.  Chi muove l'escalation?

di Maurizio Sacchi

Oggi l’organizzazione di base Assamblea Nacional Catalana (ANC) ha chiesto una protesta a lume di candela fuori dagli uffici del governo spagnolo a Barcellona e in altre città spagnole in risposta alla condanna di lunedì dei nove politici e attivisti catalani per la loro parte nell’illegale referendum e dichiarazione unilaterale di indipendenza nel 2017.Potrebbero accadere nuovi disordini dopo le violenze di martedi notte e  lunedì quando migliaia di manifestanti a favore dell’indipendenza hanno tentato di chiudere l’aeroporto di Barcellona, ​​portando a cariche  di polizia che hanno causato oltre 130 feriti e decine di arresti.

Qim Torra, presidente della Generalitat catalana

Sebbene le manifestazioni di martedì siano state convocate dall’ANC, che aveva organizzato le manifestazioni pacifiche e spettacolari del movimento per l’indipendenza, sembra che essa abbia perso l’iniziativa, a favore dei Comitati per la difesa della Repubblica (CDR) che favoriscono l’azione diretta e il confronto .Si pensa che i CDR siano dietro allo Tsunami Democràtic, il gruppo di social network che ha coordinato la protesta dell’aeroporto di lunedì.

Le dimostrazioni hanno bloccato l’accesso all’aeroporto lunedì 14 ottobre; ieri il traffico ferroviario e stradale a Tarragona, Girona e nella Catalogna Centrale e, durante la notte, si sono ripetute le scene di tensione tra manifestanti, Mossos e polizia nazionale. Secondo la polizia, gruppi violenti hanno attaccato il  quartier generale della delegazione del governo centrale a Barcellona, lanciando pietre, razzi e molotov che hanno raggiunto il Paseo de Gràcia e La Rambla. Più di 40.000 persone si erano radunate, ma alla fine la concentrazione si è trasformata in un attacco organizzato contro la polizia nazionale e locale. Violenze anche a Girona, Lleida, Tarragona e Sabadell.

Il presidente catalano, Quim Torra, è stato criticato per aver incitato alla disobbedienza civile, mentre al tempo stesso  ha inviato la polizia antisommossa catalana – i famosi Mossos d’Esquadra- per ristabilire l’ordine. Torra ha detto martedì che “i prigionieri condannati erano orgogliosi dei manifestanti e li hanno esortati a continuare a mobilitarsi nei prossimi giorni”.  Venerdì è stata indetta una grande manifestazione e uno sciopero generale.

Il leader del PP, Pablo Casado, ha chiesto martedì notte al presidente del governo misure per l’attivazione della legge sulla sicurezza nazionale in Catalogna. “Di fronte ai violenti disordini che aumentano le tensioni in Catalogna, Sanchez deve attivare la legge sulla sicurezza nazionale affinché nessuna forza di polizia sia soggetta alle linee guida degli indipendenti e la loro integrità sia protetta. È urgente garantire sicurezza e ordine pubblico “, ha scritto nel suo account Twitter.

In altre parole, il leader del Partito popolare suggerisce di togliere il controllo dell’ordine pubblico alle autorità catalane. La legge sulla sicurezza nazionale consente a Sánchez, con decreto reale, di dichiarare questi disturbi una situazione di interesse per la sicurezza nazionale, che, secondo la norma, obbliga “le autorità competenti” a “fornire le risorse umane e materiali necessarie sotto la tua dipendenza ”. Ciò include il coordinamento dei Mossos con un’autorità designata dall’Esecutivo, ma non il loro controllo diretto. Nel 2016, la Corte costituzionale ha stabilito, in risposta a un appello della Generalitat, che il governo non può usare quella legge per rimuovere i poteri dall’autonomia in caso di crisi.

E la Moncloa, sede del governo di Madrid, ha emesso una nota ufficiale,  in cui sottolinea il sostegno al lavoro del Mossos d’Esquadra, e aggiungendo che avrebbe adottato misure solo se la polizia regionale non avesse svolto correttamente il suo lavoro, come credono fosse accaduto nel 2017, o se il coordinamento fosse fallito. Ma, riporta il quotidiano El Pais di Madrid,  nulla di tutto ciò sta accadendo al momento, secondo fonti del governo.

Ma chi sono i protagonisti dell’escalation catalana?  In Catalogna, una struttura nascosta dietro la rivolta è il titolo di un servizio del  quotidiano parigino Liberation. “Sostengono di ispirarsi al movimento di disobbedienza civile di Hong Kong. Non hanno leader o portavoce, e per contattarli occorre giocare a nascondino. Sono ovunque e da nessuna parte. Passeggiando per il centro di Barcellona lunedì mattina, in mezzo allo sciame di turisti, era impossibile riconoscerli o individuarli. Dicono di avere il potere e le dimensioni di uno tsunami. Questo è anche il loro nome : Tsunami Democràtic, un movimento lanciato a settembre. La loro importanza continua a crescere, secondo il, tramite i loro account Twitter e Instagram, o tramite il servizio di posta elettronica crittografato Telegram, dove hanno già 130.000 abbonati.”

Molto presente sui social network, lo Tsunami Democràtic è un movimento clandestino. La sua esistenza è direttamente collegata al verdetto della Corte suprema spagnola di  lunedì, che, dopo due anni di processo, ha condannato nove funzionari separatisti a pene detentive che vanno da nove a tredici anni.

Il rischio è che un dibattito, anche molto aspro, ma instradato su un registro civile e molto sentito in tutta la Spagna, su limiti e garanzie della libertà d’espressione, competenze e limiti delle autonomie locali, e su concetti più vasti come la solidarietà e il rapporto fra localismo, nazionalismo e globalismo, sia annullato e sostituito da notizie di ordine pubblico. 

In copertina un fotogramma di un video girato da Euronews

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Armi italiane, export senza crisi

Nella Relazione al Parlamento prevista dalla legge 185/90: la vendita del comparto militar-industriale del Belpaese si attesta su 5,2 miliardi di euro di autorizzazioni e 2,5 mld di trasferimenti definitivi nel 2018. Oltre il 70% delle licenze singole finisce a Stati non EU e non NATO. L'analisi di Rete Disarmo e un commento di Opal

  Oltre il 70% delle licenze singole italiane per la vendita di armi finisce ...

Rotta balcanica: il lieto fine non è in Bosnia

Violenze e pessime condizioni umanitarie per i migranti anche sulla nuova frontiera della rotta. La denuncia di Medici senza Frontiere

Alloggi di (s)fortuna, violenza sulle frontiere e situazione al limite della crisi umanitaria. Sono ...

Spari, scoppi e morti di un tranquillo ferragosto

di Raffaele Crocco  Spari, scoppi e morti di un tranquillo ferragosto Era un qualsiasi, ...