Guerra sporca armi pulite: Germania sotto accusa

Nuove prove sull’uso di armamenti tedeschi ed europei nelle diverse operazioni  militari di Emirati Arabi Uniti e Arabia Saudita - terra, acqua, cielo - in Yemen

Secondo l’inchiesta #GermanArms, una ricerca congiunta di diverse testate giornalistiche europee, gli eserciti degli Emirati Arabi Uniti e dell’Arabia Saudita utilizzano armi e tecnologia tedesche ed europee nello Yemen per operazioni navali, terrestri e aeree anche se rappresentanti del governo tedesco hanno ripetutamente negato di avere alcuna conoscenza dell’uso di armi di fabbricazione tedesca nello Yemen. Inoltre il team ha portato alla luce nuove prove – rispetto a quanto si sapeva, ad esempio riguardo alle bombe tedesche fabbricate su licenza in Italia – che sembrano avvalorare la tesi che la Royal Saudi Airforce stia schierando jet da combattimento Eurofighter e Tornado e aerei da rifornimento MRTT Airbus 330 nella guerra dello Yemen. Tutti questi aeromobili hanno componenti essenziali che provengono dalla Germania (e da latri Paesi europei ndr). Lo scrive l’agenzia tedesca Deutsche Welle, partner dell’inchiesta portata avanti soprattutto da media della Germania.

Il team di ricerca ha analizzato riprese video e immagini satellitari e geolocalizzato un certo numero di sistemi d’arma fabbricati in Germania nello Yemen. Ha identificato le posizioni precise di diversi veicoli militari degli Emirati Arabi Uniti ad Aden e vicino ad Al Khawkhah (entrambi nello Yemen). I veicoli – spiega il resoconto di DW – risultavano equipaggiati con stazioni d’arma Fewas, prodotte dalla società di armi tedesca Dynamit Nobel Defense (DND). In un video dell’ottobre 2018, il team ha anche identificato un carro armato francese Leclerc apparentemente equipaggiato con un’armatura aggiuntiva di tipo Clara, anch’essa prodotta da DND. Infine ha localizzato navi da guerra degli Emirati – sempre costruite in Germania – nel porto di Mokha nello Yemen e nel porto eritreo di Assab, che funge da base operativa per i blocchi navali dello Yemen.

DW ricorda che la Germania va fiera di avere uno dei controlli più restrittivi sulle esportazioni di armi. Gli acquirenti devono firmare un accordo con l’utente finale in cui si impegnano a non vendere le armi o a trasmetterle a nessun altro gruppo o Paese. E che la coalizione di governo sotto la cancelliera Angela Merkel aveva firmato un accordo con i suoi partner all’inizio del 2018 che proibisce esplicitamente l’approvazione delle esportazioni di armi verso qualsiasi Paese “direttamente” coinvolto nella guerra in Yemen. Ma Riad e gli Emirati Arabi Uniti – conclude DW – sono entrambi considerati partner strategici.

#GermanArms è una collaborazione tra Deutsche Welle, Report München, Bayerischer Rundfunk, Stern, insieme all’organizzazione indipendente olandese Lighthouse Reports e alla rete investigativa Bellingcat. 

(Red/T.G.)

Tags:

Ads

You May Also Like

Il diritto e il delitto di migrazione

di Tommaso Andreatta Forse non bastano gli abbracci tra papa Francesco e l’Imam in ...

Cacciati dalla guerra

Oltre 70 milioni di persone  sono state sfollate in tutto il mondo l'anno scorso da conflitti, persecuzioni e violenze. La denuncia dell'Unhcr alla vigilia del  World Refugee Day

                            ...

La carica delle riserve

La Svezia chiama a raccolta i propri riservisti. Le scelte 'poco neutrali' del Paese Baltico

di Alice Pistolesi Scelte sempre meno neutrali quelle prese dalla Svezia negli ultimi anni. ...