I ‘100 motivi’ delle donne curde contro la violenza di genere

Il movimento delle donne curde in Europa (Tjk-E) ha lanciato una campagna per arrivare al riconoscimento del femminicidio come crimine contro l’umanità e come forma di genocidio

Arrivare al riconoscimento del femminicidio come crimine contro l’umanità e come forma di genocidio e “condannare così Erdoğan per i suoi crimini”. Con questo obiettivo il movimento delle donne curde in Europa (Tjk-E) ha lanciato la campagna “100 motivi per condannare il dittatore”.

La raccolta firme è scandita, in avvio e in chiusura, da due date significative: partita il 25 novembre, si concluderà l’8 marzo 2021. Dal 2009 ad oggi migliaia di donne sono state perseguitate e uccise in Turchia: Sakine Cansız, Fidan Doğan e Leyla Şaylemez del movimento delle donne curde, la rappresentante dell’autogoverno della Confederazione della Siria del Nord Est Hevrin Xelef , l’avvocata Ebru Timtik sono solo alcuni degli esempi divenuti noti a livello internazionale perché negli anni la violenza contro le donne nel Paese è aumentata di oltre il mille per cento.

Entra nella community

Iscriviti alla nostra newsletter

L’obiettivo è quello di raccogliere 100mila firme “per portare alla ribalta i 100 motivi per opporsi al dittatore e ai suoi mercenari, ai militari e alla polizia: contro gli abusi di potere, contro la violenza e l’ ingiustizia”. Nei 104 giorni di campagna il movimento riporta sul sito di riferimento ‘un motivo’ al giorno, condividendo “le storie delle donne assassinate dallo Stato turco”.  Con questa campagna, sostiene il Tjk-E “vogliamo attirare l’attenzione sulle politiche femminicide dell’Akp e di Erdoğan. Vogliamo giustizia: chiediamo che l’Akp (il partito al potere, ndr) venga condannato. Vogliamo porre fine alla violenza contro le donne nella Repubblica turca, dove ogni giorno almeno una donna viene uccisa dalla violenza sessista”.

Ma l’orizzonte è più ampio perché dalla Turchia si punta ad accendere i riflettori “su tutti i crimini di Stato commessi contro le donne”. “Vogliamo – dicono – che il femminicidio sia riconosciuto a livello internazionale come crimine contro l’umanità e come forma di genocidio”.

Alla chiusura della campagna il movimento porterà le firme e le prove raccolte all’Onu e ad altre istituzioni pertinenti “per chiedere l’avvio del processo di riconoscimento del femminicidio come crimine simile al genocidio”.

Per firmare e leggere i ‘100 motivi’: www.100-reasons.org

*In copertina 21 Marzo 2015, Newroz Dijarbakir (foto di Maria Novella De Luca)

Entra nella community

Lasciaci qualche informazione su di te, così saremo in grado di contattarti quando lanceremo la campagna di crowdfunding e potrai ricevere la nostra newsletter con gli ultimi aggiornamenti dal mondo.

IN ESCLUSIVA PER TE L’ABSTRACT SULL’INSERTO “SPECIALE CORONAVIRUS”

Tags:

Ads

You May Also Like

La repressione non ferma la resistenza birmana

Il Movimento di disobbedienza civile continua ma sempre con maggiori difficoltà.  Le nuove accuse ad Aung San Suu Kyi. La presa di posizione dei monaci. Lo stallo sulle sanzioni. Scontri con le autonomie regionali armate

Bleiburg, strage senza giustizia

La commemorazione di un'orribile avvenimento del 1945 - che ancora chiede risposte - è diventata occasione di polemiche e propaganda di nostalgie fasciste

di Edvard Cucek Il 15 maggio del 1945 nei pressi della città di Bleiburg (Carinzia-Austria) ...

Conflitti stupefacenti

Dalle metanfetamine naziste usate oggi dai terroristi agli psicofarmaci autorizzati dal Pentagono. Un libro-inchiesta sul rapporto, antico e indissolubile, tra guerra e droga

Pubblichiamo per gentile concessione dell’autore, alcuni estratti del capitolo Dalle go pills alla modifica ...