Kashmir: Islamabad chiede che intervenga l’Onu

Il Pakistan vuole portare la questione davanti al Consiglio di sicurezza

di Emanuele Giordana

Il Pakistan vuole internazionalizzare il dossier Kashmir dopo che Delhi ha deciso di cancellare la legge costituzionale che garantiva allo Stato piena autonomia. Una mossa che ha ovviamente creato tensione nel vicino che controlla una parte del territorio kashmiro. Chiede dunque che si riunsica il Consiglio di sicurezza dell’Onu per discutere cosa fare di un gesto che potrebbe trasformare la “Linea di controllo” tra i due Paesi in un confine.

Eppure, uno dei paradossi della Storia vuole che sia stata proprio l’élite hindu del Kashmir negli anni Venti a volere per la regione uno statuto speciale che li garantisse dall’intrusione dei vicini cui Hari Singh, l’allora maharaja, vietò residenza, acquisto di terre e possibilità di accedere a cariche pubbliche. In realtà Hari Singh, a capo di una comunità in maggioranza musulmana, avrebbe volto un Kashmir indipendente ma dovette cedere alle pressioni di India e Pakistan che se lo volevano inglobare e scelse Delhi. A patto che lo status speciale della regione fosse conservato garantendo ai suoi sudditi un’indipendenza che, seppur pagata a caro prezzo, era rimasta tale sino a lunedi scorso. Che la mossa di Delhi avrebbe rinfocolato le tensioni con Islamabad – che controlla il Nord del territorio conteso – era così scontato che Modi non solo deve averlo previsto ma – a giudicare dal suo piglio anti musulmano – deve averlo contemplato: anche per umiliare il vicino che, agli inizi di quest’anno, quando i due Paesi sono stati sull’orlo di una quarta guerra, aveva saputo gettare acqua sul fuco e risolvere con le armi della diplomazia l’ennesimo casus belli.

Imran Khan (nella foto), il giocatore di cricket prestato alla politica, si sta dimostrando un uomo di grande abilità e forse persino il riformatore di quel sistema asfittico che strangola dalla sua nascita il Pakistan: ostaggio di una burocrazia pachidermica e di un potente apparato militare che sono una delle tante eredità della Partition del 1947 quando il Raj britannico figliò India e Pakistan. Ieri il premier, che ha chiesto che sulla questione intervenga il Consiglio di sicurezza dell’Onu, è andato a spiegare in parlamento la risposta a un atto definito “irrazionale” e “illegale”, due termini persino blandi davanti alla decisione liberticida di Delhi. Così blandi che le opposizioni, capeggiate dalla Lega musulmana, ne hanno approfittato per metterlo in croce. Ma alla fine il parlamento è stato a sentire un ragionamento lineare e convincente.

Il Pakistan si sta adoperando per la pace nella regione, convinto che la fine della guerra in Afghanistan e la risoluzione delle vicende kashmire beneficerà tutti, in primis il Pakistan stesso. Ma, aggiunge Khan, quando “ho incontrato Modi” per garantirgli il pugno duro con i militanti estremisti “ho avuto la sensazione che non mi ascoltasse e che prendesse per debolezza le mie aperture”. Purtroppo, conclude Khan, quel che è successo per il Kashmir non è che la messa in pratica del manifesto del partito di governo, padrino di un’ “ideologia razzista”. Che – dice Khan – potrebbe portare a una “pulizia etnica” in Kashmir e a colpirci di nuovo. “Risponderemo”. Fa capire però che, ancora una volta, non è la strada dello “strike” quella che adesso il Pakistan deve scegliere. Lascia intendere che forse questa è l’occasione buona per essere presi sul serio in un momento in cui la democrazia più popolosa del pianeta – come si suole chiamare l’India – ha commesso un atto che non coinvolge solo il Pakistan ma il mondo intero, l’Onu, grandi Paesi come Cina e Stati Uniti che non possono vedere che con apprensione l’escalation.

In passato il gesto di Modi avrebbe favorito azioni terroristiche in Kashmir o in territorio indiano cui la Storia ci ha abituati: azioni condotte col beneplacito dei servizi pachistani e con una rete di protezione di gruppi sconfessati a parole ma coccolati in segreto. Anche se non sono da escludere, le cose ora potrebbero cambiare pur se la rete di connivenza e protezione degli oltranzisti è resistente. Khan però vuole giocare a carte scoperte non “in segreto”. E’ una scelta in controtendenza. Forse per questo ancor più in salita.

 

Tags:

Ads

You May Also Like

Le macerie di Ghazni

Sembra ormai conclusa la battaglia ingaggiata dai talebani nella città afgana. Ma resta la dimostrazione di forza e un bilancio di centinaia di morti e feriti. Mentre guerriglia e americani trattano

di Emanuele Giordana La battaglia di Ghazi, durata cinque giorni e con un bilancio altissimo ...

Kosovo, grazie agli Usa sale ancora la tensione

L'ambasciatrice Usa all'Onu, Nikki Halley,  chiede la fine della missione Unmik, ma la mossa potrebbe crearenuovi problemi nei Balcani

di Raffaele Crocco Pace sempre poca, da quelle parti. E il carico nelle ultime ...

Sempre più armati

Dalla fine della guerra fredda il Mondo non aveva mai avuto tante armi. Un'anticipazione del dossier Atlante con i dati del Sipri

1739 miliardi di dollari. Questa la spesa militare globale del 2017, l’1,1% in più ...