La rabbia di Beirut

A quattro giorni  dalla doppia esplosione del 4 agosto al porto di Beirut la rabbia popolare è esplosa ieri nel centro della capitale libanese

A 4 giorni  dalla doppia esplosione del 4 agosto al porto di Beirut, che finora ha provocato 158 morti e più di 6.000 feriti, la rabbia popolare è esplosa ieri a Place des Martyrs, nel centro della città, dove il I manifestanti hanno cominciato ad affluire a migliaia già alle 15:00, due ore prima – scrive l’Oriente le jour – del previsto orario  d’incontro, sul tema del “Giorno del giudizio”. Armata della bandiera libanese, la maggior parte di loro mascherata, la folla ha cantato slogan contro i leader politici accusati di negligenza e incompetenza e ritenuti responsabili della tragedia del 4 agosto. Secondo il giornale libanese “una scena che non vedevamo da mesi, dalle grandi prime ore della rivoluzione dell’autunno 2019”. Un agente delle forze di sicurezza e’ stato ucciso e, secondo Al Jazera, oltre 700  manifestanti sono stati feriti negli incidenti scoppiati ieri in piazza. Numerosi gli arresti.

Il Primo ministro libanese Hassan Diab ha proposto nuove elezioni  dopo l’esplosione mortale di martedì scorso, dicendo che è l’unica via d’uscita dalla crisi del Paese mentre le autorità libanesi hanno arrestato 19 persone nell’ambito dell’indagine sulla strage del 4 agosto. Intanto – scrive Bbc – i leader di diversi Paesi del Mondo terranno oggi un incontro virtuale per raccogliere aiuti per Beirut dopo la massiccia esplosione che martedì ha devastato la capitale libanese. La conferenza virtuale – organizzata da Francia e Nazioni Unite – inizia alle 14:00 ora del Libano (11; 00 GMT). Anche il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha detto che parteciperà. Si stima che l’esplosione nel magazzino portuale, che custodiva 2.000 tonnellate di nitrato di ammonio, abbia causato danni fino a 15 miliardi di dollari. L’esplosione ha lasciato circa  300.000 persone senza un tetto.

(Red/Est)

Nella foto di Marten Bjork il monumento dedicato ai martiri nella capitale libanese

Tags:

Ads

You May Also Like

Pericolo annessione

Il coronavirus non placa il conflitto tra Israele e Palestina: la situazione di Gaza e Cisgiordania, esposte a rischi non solo sanitari

Se serviva un’altra conferma del fatto che il coronavirus non ferma il conflitto, questa ...

Iracheni ancora in piazza

La protesta non si è fermata con la nomina del nuovo primo Ministro. Nuove denunce di ong e società civile contro la repressione

L’Iraq ha un nuovo primo Ministro ma la protesta degli iracheni non si ferma ...

Alta tensione in Etiopia

Due uccisioni eccellenti in poche ore. Il governo accusa "forze malvage" dietro a un fallito golpe

La tensione è altissima in queste ore in Etiopia  anche se il governo sostiene ...