“Ma i palestinesi non sono Hamas”

L'opinione di Eric Salerno, giornalista, inviato speciale, esperto di questioni africane e mediorientali e corrispondente da Gerusalemme per quasi trent'anni

Dopo gli attacchi di Hamas, il futuro dei palestinesi è in pericolo. Dalla fuga in Egitto (impossibile al momento per la chiusura della frontiera) a una rivolta nei Paesi arabi a sostegno della causa palestinese: i possibili scenari di un conflitto che sembra non finire mai.  Eric Salerno, giornalista, inviato speciale, esperto di questioni africane e mediorientali, è stato corrispondente del Messaggero da Gerusalemme per quasi trent’anni. In questa intervista, spiega i possibili scenari che potrebbero emergere nell’attuale conflitto tra Hamas e Israele

di Ambra Visentin

A 50 anni dalla guerra dello Yom Kippur del 1973 torna la minaccia di un conflitto su larga scala. Quali fattori hanno portato a questo?

Eric Slaerno. Trent’anni a Gerusalemme

Cercare di analizzare perché assistiamo a quanto sta accadendo ora significa partire dalla consapevolezza che si sarebbe dovuto capire già molti anni fa che prima o poi sarebbe successo qualcosa. Credo sia importante rendersi conto che i palestinesi sono stati spinti in aree minori, che sono ancora più piccole di quanto non lo fossero 20 o 30 anni fa, al tempo degli accordi di Oslo. Sono molto meno i territori che potrebbero diventare uno Stato palestinese. Inoltre, gli israeliani hanno costruito in Cisgiordania diverse circonvallazioni che permettono loro di muoversi liberamente fra i territori. Mentre i palestinesi, attraverso i posti di blocco, possono andare da un villaggio all’altro, o da una città all’altra, ma solo su strade separate costruite per loro. Molte organizzazioni internazionali hanno definito questo come un sistema di apartheid che divide e controlla la popolazione.

Ora che questi attacchi hanno avuto luogo, quali altre parti saranno coinvolte e perché? Penso all’Iran, per esempio…

“Gli iraniani stanno usando, e non sto dicendo che sono d’accordo con loro, ma stanno usando la loro forza come nazione per cercare di danneggiare Israele. Stiamo parlando del governo di Teheran che dice ‘vogliamo eliminare Israele’. Quindi stanno finanziando Hamas e anche persone con Hezbollah in Libano, ma non credo che vogliano davvero essere coinvolti in questa guerra. Sanno che Israele ha l’esercito più forte del Medio Oriente, e non solo del Medio Oriente. Sanno che Israele ha un grande aiuto dal mondo occidentale e che gli Stati Uniti sono pronti, come ha detto una volta Hillary Clinton, a ‘bombardare al suolo l’Iran’, quindi tutto è possibile laggiù e loro non vogliono arrivare a questo.

Israele vede Teheran come una minaccia?

“Israele ha paura di una guerra con Teheran perché sa che la prima cosa che accadrà è che Hezbollah in Libano risponderà attaccandola con qualcosa come 10mila missili sofisticati che si trovano da qualche parte nel Paese. E Tel Aviv verrebbe probabilmente distrutta da Hezbollah, prima che l’aviazione israeliana sia in grado di radere al suolo il Libano, come ha ovviamente promesso di fare”.

La comunità internazionale ha assunto una posizione ferma a favore di Israele. La narrazione sembra incompleta. Cosa bisognerebbe dire per far comprendere meglio questo conflitto?

Penso che prima di tutto sia molto importante, e si può dire in modo intelligente, dichiarare che siamo totalmente contro Hamas e questa cosa terribile, chiamiamola guerra, che hanno iniziato. Al rave party che si stava svolgendo nel Sud di Israele, in mezzo al deserto, hanno trovato centinaia di corpi, non solo di israeliani ma anche di persone di altri Paesi che si stavano divertendo alla festa. Sono entrati e li hanno massacrati. Perché lo hanno fatto? Non era una guerra contro Israele. È stato un attacco molto stupido e brutale.
Ma il popolo palestinese non è Hamas e Hamas non è il popolo palestinese. E dobbiamo stare attenti a non posizionarci “a favore” di questa “operazione militare” di Hamas, in nome di un sostegno al popolo palestinese. Sono due cose diverse. Questo è un conflitto interno che è iniziato tra i palestinesi e la maggioranza delle persone, probabilmente anche all’interno di Gaza, non sostiene Hamas.

L’ultimo libro di Eric Salerno uscito per i tipi di OgZero

In termini di forza militare questo conflitto è sbilanciato. Cosa possiamo aspettarci se non c’è un cessate il fuoco a favore dei colloqui di pace?

Una delle cose tragiche ma importanti che ho sentito è che molte persone dicono: “Consideriamo il fatto che abbiamo già perso tante persone uccise laggiù. Rinunciamo a questi ostaggi ma sbarazziamoci di Hamas.

Cosa farà Israele per raggiungere il suo obiettivo…

Entrerà a Gaza, probabilmente, ci saranno molti morti. Gli israeliani hanno detto alla popolazione palestinese di andarsene, ma ovviamente non c’è nessun posto dove possono andare. A meno che l’Egitto non apra il confine e dica ‘venite’ e venga inondato di rifugiati, il che potrebbe essere uno degli obiettivi militari e politici degli israeliani oggi, ovvero di sbarazzarsi dei palestinesi di Gaza liberandosi di Hamas.

Cosa potrebbe accadere se i palestinesi della Cisgiordania si unissero a questa guerra?

Finora la situazione in Cisgiordania e a Gerusalemme sembra essere relativamente calma. Ci sono state vittime in vari incidenti, ma per il momento rimangono allo stesso livello degli ultimi due anni. Se la popolazione palestinese in Cisgiordania venisse in qualche modo coinvolta nei combattimenti, c’è il rischio che gli israeliani ne approfittino e cerchino di spostare l’intera popolazione dalla Cisgiordania, attraverso il fiume Giordano, verso la Giordania.

Se il conflitto non si ferma, quali altri Paesi potrebbero intervenire e da che parte?

Non credo che nessun Paese avrebbe un vantaggio militare ad intervenire da una parte o dall’altra. Ma c’è un altro possibile scenario che è potenzialmente pericoloso per la stabilità dell’intera regione. La popolazione della maggior parte degli Stati arabi è stata politicamente e socialmente repressa nel corso degli anni e non è affatto d’accordo sulla pace con Israele, firmata dai loro leader. Vorrebbero vedere i palestinesi, i loro “fratelli e sorelle”, vivere liberi nel proprio Paese. Penso che potrebbero ribellarsi in un Paese grande e potenzialmente molto forte dal punto di vista militare come l’Egitto.

Per saperne di più, leggi la nostra scheda conflitto Israele/Palestina

In copertina, immagini da Gaza

Tags:

Ads

You May Also Like

Ue: l’ora delle sanzioni

L’Unione Europea ha deciso l’imposizione di misure restrittive a  Cina, Nord Corea, Libia, Myanmar Russia, Sud Sudan ed Eritrea

Bombe sul referendum (aggiornato)

L'Isis rivendica la strage alla cattedrale cattolica di Jolo nelle Filippine. Una settimana dopo il voto favorevole al referendum sull'autonomia dei musulmani della Regione di Mindanao

Si è chiusa con un bilancio pesantissimo la giornata di domenica a Jolo, nelle Filippine, ...

La resa dei conti di un passato disumano

Lo Stato di Bosnia ed Erzegovina in futuro dovrà risarcire le donne vittime degli stupri sessuali subiti durante la guerra dal 1992 al 1995

di Edvard Cucek Il caso è partito e potrebbe diventare “Il Precedente” dopo che ...