Mine/Uxo: un giorno contro i killer silenziosi

Oggi  si celebra la XIV edizione della Giornata Internazionale dedicata al problema  degli ordigni inesplosi e  a sostegno della Mine Action indetta dalle Nazioni Unite

Oggi  si celebra la XIV edizione della Giornata Internazionale dedicata al problema delle mine e degli ordigni inesplosi in generale, ed a sostegno alla Mine Action indetta dalle Nazioni Unite. E’ un’esortazione a non abbassare la guardia rispetto il terrificante problema degli ordigni inesplosi ed invita i Governi di tutti i Paesi a non abbandonare l’impegno finanziario e politico a favore della “mine action” (vedi mappa di copertina) fattore chiave anche del raggiungimento degli obiettivi di sviluppo i del millennio. L’ avvenimento internazionale è però anche –  suggerisce la Campagna italiana contro le mine – un’occasione per ricordare che il ddl  “Misure per contrastare il finanziamento delle imprese produttrici di mine antipersona, di munizioni e submunizioni a grappolo” sembra “avviato al dimenticatoio dei buoni propositi”.

In Italia, ricorda la Campagna, “è già trascorso un anno dal messaggio del Presidente della Repubblica Sergio Mattarella  in cui auspicava un rapida approvazione della legge “ Misure per contrastare il finanziamento delle imprese produttrici di mine antipersona, di munizioni e submunizioni a grappolo” rinviato dalla Presidenza della Repubblica alle Camere per un vulnus Costituzionale nel dicembre 2017 e già approvato all’unanimità nella XVII legislatura. In quell’occasione anche il Presidente della Camera Roberto Fico si era unito a tale auspicio.

“L’Italia, – dichiara Giuseppe Schiavello direttore della Campagna Italiana – nelle sue componenti istituzionali e non governative è ormai una delle realtà saldamente e credibilmente impegnata nella mine action dalla bonifica alla victim assistance con particolare attenzione all’universalizzazione delle Convenzioni a cui il nostro Paese ha aderito. Purtroppo però  avremmo voluto festeggiare questa importante data internazionale con l’approvazione, almeno in un ramo del Parlamento, della legge che proibisce gli investimenti finanziari ad aziende internazionali ancora coinvolte nella fabbricazione di ordigni ormai banditi dal nostro Paese. Una legge  che dovrebbe poter contare su un iter privilegiato che  però, nelle ultime settimane in Commissione Finanze e Tesoro del Senato, è stato regolarmente e tecnicamente disatteso con calendarizzazioni a fine giornata che non ne permettono la discussione compiuta del testo”. “Non riusciamo a comprendere i motivi reali per i quali una legge già inviata alla firma della Presidenza della Repubblica, approvata all’unanimità nel 2017, possa sperimentare tempi così lunghi di iter di approvazione per sanare un vulnus circoscritto e ben delineato dalla Presidenza della Repubblica” aggiunge  Santina Bianchini presidente della Campagna.

La Campagna italiana contro le mine ricorda anche le diverse le attività sul territorio nazionale che raccontano agli studenti il pericolo degli ordigni inesplosi e l’ambito di cooperazione internazionale in cui l’Italia è impegnata da anni per lenire la piaga degli ordigni inesplosi ed i loro disumani effetti sulle popolazioni civili, sia sul fronte diplomatico che di cooperazione ed emergenza. Lo illustra una pubblicazione per le scuole superiori realizzato dalla Campagna  e distribuito gratuitamente a scuole, università, parrocchie, associazioni e gruppi interessati. In particolare, le iniziative si concentreranno in varie attività per tutto il mese di aprile.

Tags:

Ads

You May Also Like

Comunità zapatiste sotto attacco

Un appello per fermare le violenze nel Chiapas

di Alice Pistolesi Comunità indigene zapatiste sotto attacco. Sparatorie, violenze, distruzione dei campi coltivati ...

Entro il 2030 moriranno 69 milioni di bambini

di Ilario Pedrini Entro il 2030 moriranno 69 milioni di bambini sotto i 5 ...

Protesta violenta dopo il voto boliviano

Tensione alta e scontri nel Paese dove l'opposizione di Carlos Mesa accusa il vincitore Evo Morales di frode elettorale

In Bolivia la tensione resta alta mentre l’opposizione a Evo Morales, appena eletto al ...