Oltre centomila a Roma con EuropeForPeace

Successo importante della manifestazione organizzata per la pace in Ucraina in nome del negoziato

dall’inviato Emanuele Giordana

Roma – Oltre 100mila persone da tutta Italia sono arrivate oggi in treno, autobus, auto a Roma dove la coalizione Europe For Peace ha chiamato a raccolta un movimento ampio e anche disomogeneo ma comunque disposto a chiedere un negoziato subito, il cessate il fuoco, una Conferenza di pace sulla guerra ucraina. Piazza della Repubblica, a pochi passi dalla stazione Termini, si riempie subito. E verso l’una muove i primi passi. La testa del corteo è una selva di stendardi arcobaleno e di bandiere che rappresentano le varie le sigle che più si sono spese per l’organizzazione: Rete Pace Disarmo, Cgil, Acli, Arci e così via.

Bisogna aspettare due ore perché gli ultimi di Piazza della Repubblica, con uno striscione bianco con la parola pace in molte lingue, possano partire verso Piazza San Giovanni dove alle 5 la manifestazione si conclude. Il corteo, partito sulle note di “Bella Ciao”, fa subito notare la presenza forte della Cgil che marcia nelle prime file e che dimostra lo sforzo organizzativo del sindacato in tutta Italia. Segue l’Unione degli universitari, uno dei rari spezzoni a forte componente giovanile. La media dell’età è forse sui cinquant’anni. Seguono Movimento non violento, Aoi (Ong italiane), Libera, Acli, Arci, Sant’Egidio. In mezzo c’è Banca Etica. Poi Emergency e Anpi… (continua: Val al fotoreportage e al resoconto cliccando qui)

Tags:

Ads

You May Also Like

In manette il presidente di Amnesty Turchia, parte la raccolta firme

Ancora un’ondata di arresti in Turchia. A finire in manette questa volta Taner Kılıç, ...

L’inquietudine della colomba

L'ultimo scritto di Hrant Dink, giornalista e scrittore armeno di Turchia,  assassinato il 19 gennaio del 2007 davanti al suo giornale  Agos con tre colpi di pistola

G20: l’accordo di Venezia

La tassazione alle multinazionali ma anche una svolta verde. Dubbi sui vaccini ai Paesi più poveri

Si è chiuso l’incontro a Venezia del G20, con decisioni che per una volta ...