Non cediamo il diritto alla felicità

Di Raffaele Crocco

La cosa terribile è pensare che potrebbe essere la persona seduta accanto a noi in treno o a teatro. Potrebbe aprire una borsa, estrarre una pistola, iniziar a sparare.
La cosa terribile è pensare che non saremo più sicuri al cinema, al ristorante, in stazione. Solo a casa nostra, sigillata e senza ospiti, ci sentiremo al sicuro.
La cosa terribile sarà leggere fiumi di parole sul fatto che siamo in guerra, che il terrore è arrivato a casa nostra, che dobbiamo reagire, difenderci, combattere.
Quello che è accaduto a Parigi è devastante. Non solo per la tragedia delle vittime e per lo schifo di una banda di assassini che sparano a caso in nome di un dio che chiamano misericordioso. È devastante per come reagiremo, per come muteremo quasi geneticamente pelle, pensieri, sentimenti. Quattro secoli di lotte per conquistare libertà, diritti civili, parità, democrazia verranno calati nelle stesse tombe che accoglieranno le vittime di questi macellai e non potremo farci nulla. Stanno vincendo loro. Stanno vincendo perché portano indietro le lancette della ragione e dell’uomo. Stanno vincendo perché in nome della sicurezza anche noi, qui, venderemo la nostra libertà a chi, fra noi, identico a noi, sarà pronto ad approfittarne. Stanno vincendo perché accetteremo vincoli, armi, violenze, pur di sentirci un po’ più sicuri. Stanno vincendo perché non sapremo più distinguere fra la giusta accettazione della diversità e la stupida sottomissione all’ottusità altrui.

Continueremo a vivere convinti che da questo casino si esce coprendo nei musei le immagini che rappresentano un dio, eliminando croci, santini o con cazzate del genere. Continueremo a non capire che dobbiamo rispettare gli altri chiedendo il rispetto di ciò che siamo, della nostra laicità, del nostro essere figli di rivoluzioni, lotte, fatiche. Continueremo a non capire che in questo casino resteremo sino a quando non risolveremo fame, ingiustizie, sopraffazioni, ignoranza. Continueremo con questo massacro sino a quando giustificheremo guerre idiote e assassine come quelle in Iraq, Afghanistan, Libia, Siria. Resteremo nel macello sino a quando considereremo alleati strategici paesi che finanziano gli assassini e vogliono imporre la teocrazia. Saremo vittime sino a quando sceglieremo di esserlo, magari giustificando con grande originalità chi uccide perché si sente offeso da vignette che prendono in giro un qualunque dio.
Basta, per favore, basta. So che può sembrare patetico, stupido, velleitario, ma credo davvero che gli assassini integralisti, i vigliacchi macellai che uccidono pensando di guadagnare il paradiso, le bestie puzzolenti che si aggirano nel mondo pensando di creare stati confessionali, li possiamo sconfiggere creando un mondo più felice. Un mondo dove non si è costretti alla fuga, un mondo dove si può mangiare, bere, lavorare, amare, discutere, pensare. In un mondo così le bestie immonde non troverebbero nulla da azzannare, sbranare, uccidere. E morirebbero di inedia e fame. Sole e senza dio.

Tags:

Ads

You May Also Like

Nubi sulle elezioni in Venezuela

A sfidare Nicolas Maduro nelle elezioni presidenziali che si svolgeranno entro fine aprile in ...

Centomila firme contro Ortega

Violenze quotidiane, centinaia di morti, migliaia di feriti, aggressioni di squadracce protette dalla polizia. L’incubo del Nicaragua e della sua involuzione autoritaria nelle mani della famiglia del presidente

In venti giorni sono state raccolte più di 100mila firme da organizzazioni della società ...

L’ombra dei militari sulla presidenza birmana

In Myanmar si dimette il presidente, uomo vicino ad Aung San Suu Kyi. L'interim va per ora a un vicepresidente che ha il grado di generale

Redazione Il settantaduenne U Htin Kyaw, il primo capo dello Stato civile dopo la ...