Rdc tra inondazioni e bombardamenti

Nella Repubblica Democratica del Congo, le peggiori inondazioni degli ultimi 60 anni hanno lasciato oltre 2milioni di persone bisognose di assistenza umanitaria. Di queste, come spiega l’Unicef in un comunicato stampa, il 60% sono bambini e bambine. Secondo le stime dell’Ocha (Ufficio per gli affari umanitari è un ufficio delle Nazioni Unite), 18 delle 26 province del Paese sono state colpite da piogge eccezionalmente intense negli ultimi due mesi. Le acque alluvionali, che hanno provocato un innalzamento del fiume Congo che non si vedeva da decenni, avrebbero distrutto o danneggiato quasi 100.000 abitazioni, 1.325 scuole e 267 strutture sanitarie. Le colture si sono deteriorate nei campi sommersi dall’acqua, accrescendo la prospettiva di carenze alimentari in alcune località.

Nelle aree inondate si riscontrano il 40% del totale dei casi di colera individuati nel Paese. Secondo l’Oms, nel 2023 nella Rdc sono stati registrati più di 52.400 casi di colera e 462 decessi. Numeri che ne fanno una delle più grandi epidemie al mondo.

Alla violenza del clima si somma quella umana. Nei giorni scorsi si è infatti registrato un uso crescente di artiglieria pesante e di bombardamenti negli scontri intorno alla città di Goma, nel Nord Kivu. Varie bombe sarebbero infatti cadute su alcune delle località civili in cui si stanno rifugiando circa 65.000 sfollati interni. L’Unhcr (l’Agenzia delle Nazioni Unite per i Rifugiati), si è detta profondamente preoccupata per le terribili conseguenze per i civili. Si stima che siano 135.000 gli sfollati interni in fuga dalla città di Sake. A questo si aggiunge la presenza di ordigni inesplosi. Dalla prima settimana di febbraio, almeno 15 civili sono stati uccisi e 29 feriti intorno a Goma e Sake.

“I bombardamenti indiscriminati – scrive l’Unhcr in una nota – stanno amplificando la pressione sulle risorse già limitate per accogliere 800.000 sfollati interni nella regione e 2,5 milioni di sfollati nella provincia del Nord Kivu. La violenza continua a limitare l’accesso alle popolazioni isolate nel territorio di Masisi e Rutshuru, aggravando le sfide affrontate dalle agenzie umanitarie nel fornire assistenza. Con poche opzioni praticabili attualmente per un passaggio sicuro da Goma, le crescenti comunità di sfollati nella città si trovano ad affrontare condizioni in rapido deterioramento”.

Leggi la scheda conflitto della Repubblica Democratica del Congo

*Foto di Hans da Pixabay

Tags:

Ads

You May Also Like

Ue armata, settecento firme dicono no

Alcune centinaia di ricercatori e studiosi si oppongono al programma di ricerca militare dell'Unione europea con la petizione “Researchers for peace”

E’ stata lanciata oggi da una coalizione di organizzazioni del mondo scientifico e del ...

L’eredità della guerra in Laos

I laotiani non possono dimenticare il conflitto nel Vietnam degli anni Settanta che li coinvolse facendo diventare la loro terra il Paese più bombardato al mondo. Un passato che pesa ancora. Reportage

Dal nostro inviato nel Sudest asiatico Emanuele Giordana Nong Khiaw (Nord Laos) – Da Nong ...

L’Africa e l’eredità della Regina

Elisabetta II vista dal continente africano nel controverso rapporto con il Regno Unito. Dietro il lutto e le condoglianze  istituzionali, la rabbia di chi vede nella  Corona un simbolo del un passato coloniale

di Marta Cavallaro La morte della Regina di Inghilterra ha suscitato sentimenti contrastanti nel ...