Thailandia: Pita “dimissionato” da parlamentare

Corte costituzionale e Parlamento bocciano la candidatura a premier del leader progressista del Move Forward. Ma i giochi restano aperti

Emanuele Giordana

Pita Limjaroenrat non sarà per ora il nuovo premier della Thailandia. Il leader del partito che ha preso il maggior numero di voti nelle elezioni dello scorso maggio superando tutti i pronostici non ha potuto ieri nemmeno candidarsi davanti ai due rami del Parlamento riuniti per dar seguito alla “volontà popolare”. Prima che si presentasse nel tempio della democrazia tailandese, il capo del Move Forward Party è stato infatti squalificato dalla carica di deputato dalla Corte costituzionale e ha dovuto lasciare l’aula prima del voto. Un voto che, a quel punto, ha messo in discussione la possibilità che Pita si potesse candidare col peso di una messa in mora della Corte più alta.

Su indicazione del presidente del Parlamento Wan Muhamad Noor Matha, i parlamentari in seduta congiunta di Camera e Senato hanno votato per scegliere se accettare comunque o respingere la ricandidatura a premier per la seconda volta del leader del Move Forward, dopo una prima consultazione (persa da Pita) settimana scorsa. Dopo un dibattito di ore e dopo che 715 parlamentari hanno votato elettronicamente – riferisce il Bangkok Post – Wan ha reso noto che 394 parlamentari avevano votato contro la ricandidatura di Pita e 312 a favore (otto astenuti e uno che non ha esercitato il diritto di voto). Pita è stato così messo al bando dalla maggioranza dei votanti (374 più uno).

In Thailandia dunque la storia si ripete e una sentenza mette fuori gioco, come era già successo al predecessore politico di Pita nelle penultime elezioni, il leader politico scelto dal partito più votato dai tailandesi. Ora il gioco si fa duro. Oggi era prevista la terza sessione del voto per scegliere il premier a meno che non si decida un rinvio o un’ennesima consultazione dopo quella prevista oggi in considerazione del fatto che ieri la seconda votazione del calendario parlamentare in realtà non è avvenuta. Dettagli istituzionali che, comunque vadano a finire indicano che la democrazia tailandese è ben lungi dall’essere il frutto maturo che tutti si aspettavano potesse diventare con l’elezione di Pita. Per altro, in un Parlamento dove 500 membri della Camera bassa vengono votati ma 250 senatori sono nominati (dalla compagine militar-monarchica), l’esercizio democratico è già un conto matematico truccato.

Nuovo candidato? Per ora Pita resta

Le giornate a venire dunque (prossima votazione il 27 luglio)  promettono nuove scintille e forse una nuova candidatura: quella – si dice – di Srettha Thavisin del Pheu Thai Party, il secondo partito di opposizione che si è guadagnato nelle ultime elezioni 141 seggi, dieci in meno del partito di Pita. Anche se stamani Move Forward ha confermato che il suo candidato resta Pita. Il Pheu Thai è il partito della famiglia di Thaksin Shinawatra, il tycoon che è stato estromesso da un golpe militare come è poi avvenuto anche con sua sorella Yingluck e che questa volta ritenta la scalata con Paetongtarn, sua figlia minore. Pheu Thai e Move Forward sono alleati in una coalizione di otto partiti.

La notizia della squalifica di Pita era arrivata in mattinata ma la nota ufficiale della Corte costituzionale è arrivata poco dopo le 2 e mezza del pomeriggio, due ore prima del voto parlamentare. La Corte ha in sostanza accolto una denuncia contro Pita che lo accusa di possedere le azioni di una società – Itv – che a suo tempo deteneva una televisione che da tempo ha cessato le attività. Pita, che sapeva di correre il rischio del cavillo poiché la legge vieta a chi si candida di avere interessi in un qualsiasi medium, ha spiegato non solo che le 42mila azioni in suo possesso erano parte del patrimonio paterno di cui dopo la morte è esecutore testamentario, ma di aver trasferito il malloppo ad altri. Alla Corte non è bastato e adesso Pita ha due settimane di tempo per fare appello. Ma intanto è fuori dai giochi. Inoltre c’è un caso pendente anche per il suo partito, accusato dai conservatori di essere anti monarchico e quindi intollerabile nel regno del Siam. Potrebbe finire nel tritacarne giudiziario dunque anche il partito e sarebbe la fine dei giochi. Esattamente come successo al partito Future Forward e al suo leader Thanathorn, entrambi vittime del tribunale e che sono in sostanza i fondatori della nuova linea progressista tailandese ora incarnata da Pita e dal suo partito.

Per ora la piazza si è fatta sentire poco ma la gente fuori dal Parlamento si è vista. Qualche centinaio. Potrebbe essere solo l’inizio di una protesta su larga scala. Colo colore “arancione” di Pita.

In copertina: Bangkok (foto atlanteguerre)

Tags:

Ads

You May Also Like

Ucraina, la guerra rischia di allargarsi

Spazi negoziali sempre più stretti mentre la Nato sceglie di potenziare l'arsenale di Kiev. Mosca risponde a muso duro

di Raffaele Crocco E’ una guerra che muta, questa che Valdimir Putin si ostina ...

Kenya oggi alle urne. Che parte ha avuto Facebook?

Alla vigilia delle elezioni  Foxglove e  GlobalWitness hanno scoperto come l'uso distorto di Fb possa tranquillamente  veicolare messaggi violentissimi per zittire e minacciare minoranze etniche, partiti di opposizione, movimenti femministi. Con un esperimento rivelatore

di Stefano Bocconetti • “Ti uccido, ti decapito, ti faccio a pezzi, schifoso abitante ...

Palestina: ancora morte e demolizioni

Quasi 9mila strutture di proprietà palestinese sono state abbattute dal 2009 da Israele. La denuncia dell'Onu mentre la violenza in Cisgiordania continua

Quasi 9mila strutture di proprietà palestinese sono state demolite dal 2009 da Israele. A ...